Centro COOP Arezzo, cambia il concept del centro commerciale Centro COOP Arezzo, cambia il concept del centro commerciale
Architettura

Centro COOP Arezzo, cambia il concept del centro commerciale

Scritto da Redazione |

24 Maggio 2017

Nella smart city del futuro anche i centri commerciali avranno un nuovo ruolo, non più soltanto aggregatori di negozi ma piuttosto poli di socialità e svago perfettamente integrati con la città. 

Di questo futuro in realtà esistono già le prime tracce, come nel caso del nuovo Centro COOP di Arezzo, realizzato partendo da un complesso aperto nel 1988 e ora completamente riqualificato da un punto di vista estetico e funzionale grazie al progetto elaborato dallo studio di architettura Piuarch, su incarico di Unicoop Firenze. 

La ristrutturazione si sviluppo a partire dalla ripetizione della forma cerchio, motivo cardine del logo della società, e dall’idea di un nastro fluido e tridimensionale, che diventa ora prospetto, ora invece percorso distributivo tra le differenti funzioni. 

Sono coinvolti in questo concept una pluralità di elementi: l’involucro, caratterizzato da una dualità cromatica e compositiva, si coniuga alle rinnovate modalità di fruizione dell’edificio, arricchito per quanto riguarda la proposta commerciale e soprattutto la più ampia offerta di aree di sosta e interazione dedicate soprattutto ai bambini. 

All’esterno, due fasce tra loro sovrapposte generano la facciata: il basamento, scandito da un melange di colori che richiamano il tipico cotto aretino, è contrapposto a un nastro continuo in vetroresina di colore bianco, definito da aperture circolari di diametro variabile tra i 20 e i 50 cm con un dinamico effetto optical. 

Ispirato alla grafica del logo Coop, il medesimo schema identifica quindi la superficie del volume verticale, concepito da Piuarch con l’obiettivo di instaurare un dialogo diretto con il contesto storico e paesaggistico di Arezzo

All’interno, prosegue nuovamente il tema della griglia forata, che si snoda anche nelle porzioni del soffitto delle gallerie commerciali, strutturate sull’idea della strada e della piazza, secondo una naturale prosecuzione dell’articolazione del tessuto urbano esistente.    

Esito di un progetto orientato ai valori di sostenibilità ambientale, di rapporto con il verde, di qualità dei materiali e delle relazioni spaziali, il nuovo Centro COOP di Arezzo è il primo segno di una delle possibili forme attraverso cui la grande distribuzione può influenzare positivamente l’evoluzione della città e le sue dinamiche. 

Uno stato ulteriormente avvalorato dal CNCC Deep Renovation & Design Awards, prestigioso riconoscimento, promosso dal Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali, assegnato proprio al progetto di Piuarch per la categoria “complessi oggetti di ristrutturazione”, nella sezione da 5.000 a 30.000 mq. 

Questo articolo parla di:

Precedente

Il nuovo Apple Store a Milano

Successivo

Canada, la casa è un sentiero nella natura

Matrix4Design intervista l'architetto Andrea Boschetti (VIDEO)
Architettura

Matrix4Design intervista l'architetto Andrea Boschetti (VIDEO)

È una delle personalità più autorevoli e interessanti nel campo dell’architettura e del design italiano...

Julia Marmi, che cosa c’è di nuovo a Cersaie 2017?
Design

Julia Marmi, che cosa c’è di nuovo a Cersaie 2017?

Anche quest’anno torna a Bologna in occasione di Cersaie 2017 Julia Marmi, azienda storica friulana fondata nel 1967 e...

Android di Antrax IT vince l’Iconic Award 2017
Design

Android di Antrax IT vince l’Iconic Award 2017

 I riconoscimenti non finiscono mai per Antrax IT: Android, il radiatore frutto della creatività di Daniel Libeskind, ha...