Diébédo Francis Kéré ospite a Cersaie 2017 Diébédo Francis Kéré ospite a Cersaie 2017
Architettura

Diébédo Francis Kéré ospite a Cersaie 2017

Scritto da Redazione |

11 Luglio 2017

Anche l’architetto di fama  mondiale Diébédo Francis Kéré, fondatore dello studio Kéré Architecture, sarà ospite a Cersaie 2017, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredobagno in programma a Bologna dal 25 al 29 settembre: l’occasione specifica è la partecipazione all’iniziativa Costruire, Abitare, Pensare con una conferenza che si terrà presso la Galleria dell'Architettura. 

Nato a Gando, una piccola città dell'Africa occidentale in Burkina Faso, Kéré ha studiato architettura in Germania, dove ha ottenuto una borsa di studio conseguendo la laurea in architettura e ingegneria e parallelamente ha fondato la Fondazione Kéré per finanziare la costruzione della Scuola Primaria Gando, il cui progetto ha ottenuto il prestigioso Premio Aga Khan nel 2001. 

Kéré continua inoltre a operare in Burkina Faso e in quattro diversi continenti, sviluppando strategie di costruzione innovative che combinano materiali tradizionali e tecniche di costruzione con metodi di ingegneria moderni.

Nel 2005 ha fondato il suo studio Kéré Architecture e da allora  il suo lavoro ha ottenuto numerosi riconoscimenti prestigiosi come Global Award for Sustainable Architecture, BSI Swiss Architectural Award, Marcus Prize, Global Holcim Gold Award, and Schelling Architecture Award. 

Tra i progetti realizzati c’è per l’appunto la Scuola Primaria a Gando, terminata nel luglio 2004 e basata su principi di progettazione che assicurano il comfort climatico e il contenimento dei costi, sfruttando i materiali locali e il potenziale della comunità del villaggio, e adattando le tecnologie moderne al contesto locale. 

Ancora, egli è l’autore del rinnovamento del Parco Nazionale di Bamako e del Centro per l’architettura in terra a Mopti in Mali, con l’obiettivo comune e costante di mettere al centro le esigenze e la partecipazione della popolazione locale. 

Kéré è anche l’architetto scelto per la realizzazione dell’attesissimo padiglione estivo 2017 della Serpentine Gallery (Kensington Gardens, Londra), uno dei più importanti centri espositivi di arte contemporanea nel Regno Unito: il disegno del padiglione si ispira agli alberi del Burkina Faso, per mettere in contatto costante i visitatori con il parco, e di sera diventa una grande lanterna illuminata, una sorta di ‘microcosmo’ che fonde i rivestimenti culturali del Burkina Faso con alcune tecniche costruttive sperimentali. 

Non mancano dunque i motivi per essere presenti all’appuntamento, tra i tanti che arricchiranno questa edizione della kermesse bolognese.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Norcia, il progetto di Boeri per ripartire

Successivo

Alvisi Kirimoto, premiata la Cantina Podernuovo

Il progetto del retail in scena a Spazio FMG
Architettura

Il progetto del retail in scena a Spazio FMG

Clima caldo, stile di vita rilassato, gente appassionata e grande creatività: sono questi alcuni degli elementi che...

Plissé, novità in casa FerreroLegno
Design

Plissé, novità in casa FerreroLegno

FerreroLegno è un’azienda specializzata nella produzione di sistemi di apertura per interni che sono veri e propri...

Lago presenta il tavolo Vertigo
Design

Lago presenta il tavolo Vertigo

Una vera e propria vertigine estetica: è esattamente questo l’effetto di Vertigo, la grande novità della collezione di...