Fondation Louis Vuitton, l’opera policroma di Daniel Buren Fondation Louis Vuitton, l’opera policroma di Daniel Buren
Architettura

Fondation Louis Vuitton, l’opera policroma di Daniel Buren

Scritto da Redazione |

20 Giugno 2016

A Parigi il Carnevale è arrivato in ritardo. Lo “festeggia” in questi giorni, e continuerà a farlo fino al 26 novembre 2016, la Fondation Louis Vuitton, la cui struttura d’avanguardia progettata dall’archistar Frank Gehry e inaugurata nell’ottobre 2014 si travestirà per qualche tempo da Arlecchino grazie all’esplosione di colori che caratterizza l’ultima sorprendente installazione dell’artista Daniel Buren, 78 anni.

 

L’opera si chiama “Observatory of Light” e copre letteralmente d’arcobaleno l’edificio della Fondazione, ricorrendo all’applicazione di 3600 pannelli in vetro ricurvi che fungono da rivestimento policromo per le dodici vele iconiche concepite da Gehry, alternando ben tredici filtri di tonalità diverse disposti alla stessa distanza l’uno dall’altro e intervallati da strisce bianche e nere posizionate a perpendicolo rispetto al terreno.

 

Il progetto produce un effetto stupefacente sugli spettatori in quanto la superficie multicolore diventa lo strumento ideale per generare giochi di luce, riflessi e contrasti, in un mosaico di geometrie, forme e trasparenze capace di mutare aspetto a seconda del momento della giornata.

 

L’allestimento ha richiesto notevoli sforzi sotto il profilo tecnico e tecnologico a causa della complessità costruttiva che è tipica del lavoro di Buren, ragion per cui solo l’impiego di sofisticati computer ha consentito di calcolare con precisione la misura di ogni singola area da ricoprire e dunque di portare a compimento il processo di realizzazione.

 

Daniel Buren, che da tempo collabora con la casa di moda francese, ha curato anche un’altra installazione a colori, questa volta destinata ai lucernari della sede di Louis Vuitton a Venezia. E proprio a Venezia, presso la boutique del marchio, sarà possibile visitare la mostra Fondation Louis Vuitton Building in Paris by Frank Gehry, un’esposizione esclusiva di testimonianze, disegni, modellini e opere che anticipano e raccontano il progetto della Fondazione.

 

Tout se tient, come direbbero i francesi.

Questo articolo parla di:

Precedente

Tate Modern, apre al pubblico la nuova Switch House

Successivo

City After The City, la città del futuro in mostra a Milano

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C
Design

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C

È il momento degli specchi. Adele-C, azienda nata nel 2009 da un’idea imprenditoriale di Adele Cassina, arricchisce la...

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving
Design

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving

Cambiano il mondo e la società, e con essi le case che abitiamo. Non è esagerato dire che proprio in questi anni si sta aprendo una...

Chairs & More debutta a Orgatec 2018
Design

Chairs & More debutta a Orgatec 2018

È tempo di esplorare nuove possibilità per Chairs & More: quest’anno, forte della propria esperienza sul fronte...