Giappone, ecco il reticolo antisismico più bello e leggero del mondo Giappone, ecco il reticolo antisismico più bello e leggero del mondo
Architettura

Giappone, ecco il reticolo antisismico più bello e leggero del mondo

Scritto da Redazione |

29 Agosto 2016

Un altro terremoto, un’altra strage. Così vanno le cose in Italia, secondo una successione causale precisa e micidiale. Ma non vale lo stesso per il Giappone. Il paese del Sol Levante, infatti, dopo secoli di lotte contro la straordinaria sismicità del suo territorio, ha messo a punto soluzioni costruttive di grande efficacia, capaci di garantire standard di sicurezza unici nel loro genere.

 

Tra queste, l’ultima innovativa proposta viene dallo studio d’architettura Kengo Kuma and Associates, che ha realizzato una nuova struttura antisismica in fibra di carbonio per l’edificio showroom di Nomi del produttore tessile giapponese Komatsu Seiten, creatore della speciale corda elastica in carbonio impiegata nel progetto.

 

Per la messa a punto di questo impianto sismico definito “il più leggero del mondo”, l’architetto Shun Oriki, curatore dei lavori, ha scelto di rinunciare a strumenti tradizionali come acciaio e cemento per sfruttare le potenzialità di un nuovo materiale, denominato Cabkoma Strand Rod, ossia un composto in fibra di carbonio rivestito da un involucro in fibra sintetica e inorganica, con finiture in resina termoplastica.

 

Secondo il principio per il quale, se l’edificio oscilla verso sinistra, le corde sulla destra lo trattengono tirandolo dalla parte opposta e viceversa, ben 1031 aste flessibili hanno letteralmente avvolto lo showroom di tre piani, formando una sorta di reticolo sospeso fissato a partire dalla sommità e creando così una rete flessibile, sul modello delle antiche tecniche di tessitura e intreccio.

 

Un espediente di rinforzo esterno che stupisce per il suo impatto estetico, una caratteristica inedita nel campo della tecnologia antisismica, complementare all’esigenza di mantenere altissimi i livelli di efficienza di fronte ai pericoli della Terra.

Questo articolo parla di:

Fotografie di Takumi Ota, Shinkenchiku

Precedente

Studio KO, a Essaouira la casa di pietra dal sapore antico

Successivo

British Airways i360, a Brighton la torre panoramica più alta del mondo

Roma Diamond, l’ispirazione del marmo per FAP Ceramiche
Design

Roma Diamond, l’ispirazione del marmo per FAP Ceramiche

“Ho trovato una città di mattoni, ve la restituisco di marmo”.  Si narra che l’imperatore Augusto, sul letto di...

Il nuovo Campus Internazionale di Humanitas University a Milano
Architettura

Il nuovo Campus Internazionale di Humanitas University a Milano

In occasione delle celebrazioni per l’apertura del nuovo anno accademico 2017/2018, lo scorso 14 novembre, è stato...

Alma Design presenta Pepper
Design

Alma Design presenta Pepper

Divertente, informale, multifunzione. Tre aggettivi che ben descrivono Pepper, l’ultima novità di Alma Design disegnata...