H House, a Madrid gli spazi sono distinti e interconnessi H House, a Madrid gli spazi sono distinti e interconnessi
Architettura

H House, a Madrid gli spazi sono distinti e interconnessi

Scritto da Redazione |

13 Luglio 2016

Una casa nata dall’assemblaggio perfetto e armonioso di tanti piccoli spazi comunicanti, per nuove visioni del concetto di villa che guardando anche alla compatibilità ambientale. Questa potrebbe essere la definizione più calzante per l’innovativo progetto messo a punto a Madrid dallo studio di architettura Abiboo Architecture e destinato a soddisfare le precise esigenze di una figura molto nota nel mondo dello sport internazionale.

 

H House, edificata al centro di un grande spazio verde della capitale spagnola, si distingue per la scelta di comporre gli ambienti in un’ottica di interconnessione, prestando attenzione alla percezione sensoriale che si trasmette da ogni spazio, evitando distribuzioni gerarchiche preimpostate e arricchendone l’aspetto esterno con sfumature cromatiche inedite.

 

Così, come in un puzzle compiuto, gli ampi giardini esterni fungono da ideale prolungamento del piano terra, mentre al primo piano trovano posto le aree ufficio, le camere da letto e una zona dedicata al relax e allo svago. Completa la struttura della residenza un piano interrato, vero cuore pulsante dell’edificio, introdotto per contenere tutti gli ambienti di servizio concepiti per il benessere e il comfort, tra cui una spa, un’area wellness, una sala di meditazione, una palestra e una sala da ballo.

 

La frammentarietà della pianta interna viene ulteriormente valorizzata dalle varianti materiche che caratterizzano le facciate: calcestruzzo a vista per l’involucro esterno dei locali secondari, rivestimento metallico ventilato per racchiudere la zona notte e, da ultimo, un elegante combinazione di stucco e vetro al fine di rendere speciale l’area living, posta al centro della costruzione.

 

Un approccio contemporaneo all’architettura, e quindi tanto più interessato a salvaguardare l’ambiente che lo accoglie, non solo attraverso la selezione rigorosa di materiali da costruzione eco-friendly ma anche sfruttando impianti ad alta tecnologia per limitare le emissioni di anidride carbonica, ridurre i consumi d’acqua tramite bacini di raccolta appositamente predisposti, elaborare sistemi di utilizzo proficuo dell’irraggiamento solare e della ventilazione naturale.

 

Innovazione, valore estetico e funzionalità: ecco le parola chiave per descrivere H House, una dimora d’eccezione per una quotidianità tutta da vivere.

Questo articolo parla di:

Fotografie di Joao Morgado

Precedente

Cape Point House, come una tenda per il weekend

Successivo

Brickell Flatiron, una residenza di lusso Made in Italy per lo skyline di Miami

Inda, tutte le novità al Salone del Mobile 2018
Design

Inda, tutte le novità al Salone del Mobile 2018

Ci sarà anche Inda tra i protagonisti del Salone internazionale del Mobile che si terrà quest’anno dal 17 al 22 aprile a Fiera...

Catellani&Smith, la Macchina della Luce tra arte e design
Design

Catellani&Smith, la Macchina della Luce tra arte e design

Arte, scultura o design?  È tutte queste cose insieme la Macchina della luce, scenografica creazione del brand...

Antonio Citterio e Patricia Viel per la nuova Taipei Sky Tower
Architettura

Antonio Citterio e Patricia Viel per la nuova Taipei Sky Tower

Un grattacielo verde, a forma di canna di bamboo. È questo il progetto che cambierà in pochi anni lo skyline della città di...