KODA, la casa che vuoi, dove vuoi KODA, la casa che vuoi, dove vuoi
Architettura

KODA, la casa che vuoi, dove vuoi

Scritto da Redazione |

22 Luglio 2016

Una casetta trasformista da spostare dove vuoi. E’ l’idea se non geniale quantomeno molto originale di Kodasema, un collettivo di designer di origine estone che ha progettato KODA, un prototipo di casa mobile prefabbricata che può essere montata e smantellata in meno di sette ore, senza rinunciare a tutti i comfort garantiti da una normale abitazione.

 

Del tutto priva di fondamenta, la casa contiene una zona living open space, una cucina, un bagno, una camera da letto soppalcata e una terrazza incorporata, tutto in soli 25 metri quadri di superficie totale, rivolti all’esterno grazie alla facciata interamente vetrata.

 

Naturalmente le aree che richiedono una maggiore privacy sono dislocate nella parte più interna e arretrata della costruzione, mentre una scala a pioli collega il soggiorno e la cucina, posizionati al primo piano e ben visibili dall’esterno, al secondo livello.

 

Ogni componente della struttura, compresi i muri, viene sfruttato al massimo delle sue potenzialità, per accrescere la funzionalità del complesso e ottimizzare gli spazi già piuttosto ristretti eppure in grado di adattarsi in modo flessibile alle esigenze dei proprietari.

 

I progettisti non nascondono che la collocazione ideale della casa coinciderebbe con un luogo ben servito in termini di rete idrica, fognature ed elettricità, e tuttavia non hanno mancato di pensare anche alle necessità dei più avventurosi: l’edificio è stato infatti concepito per essere esso stesso fonte di energia e anche deposito capace di immagazzinarla.

 

Così le pareti in vetro sono utilissime per utilizzare in modo proficuo l’effetto luminoso dell’irraggiamento solare e al contempo limitare la dispersione del calore, mentre appositi pannelli solari montati sul tetto forniscono una quantità di energia addirittura superiore a quella necessaria agli abitanti.

 

Ponendosi come esperimento di architettura assolutamente inedito, il progetto KODA è stato selezionato tra i candidati in corsa per lo Small Project Prize presso il World Architecture Festival 2016.

Questo articolo parla di:

Precedente

Case vacanze? Per voi le progetta l’archistar

Successivo

Premier Tower, a Melbourne il grattacielo ispirato a Beyoncé

Fap Ceramiche, l’ultima novità si chiama Brickell
Design

Fap Ceramiche, l’ultima novità si chiama Brickell

Si chiama Brickell ed è la nuova collezione di rivestimenti in grès porcellanato firmata Fap Ceramiche nell’intento...

Marchi Cucine presenta le nuove cucine Artis e Bellagio
Design

Marchi Cucine presenta le nuove cucine Artis e Bellagio

Marchi Cucine è un marchio di eccellenza italiana che da più di quarant’anni produce cucine artigianali, in un equilibrio...

Il nuovo Aeroporto di Panama firmato Foster+Partners e Politecnica
Architettura

Il nuovo Aeroporto di Panama firmato Foster+Partners e Politecnica

Il nuovo Aeroporto Internazionale Tocumen di Panama, progettato da Foster+Partners in collaborazione con lo studio italiano...