Lo charme Made in Italy di Casa Flora Lo charme Made in Italy di Casa Flora
Architettura

Lo charme Made in Italy di Casa Flora

Scritto da Redazione |

30 Marzo 2017

Passare un soggiorno indimenticabile nella città più romantica del mondo? A Venezia ha aperto Casa Flora, affascinante residenza situata a pochi passi da Piazza San Marco nata come progetto di accoglienza ideato da Gioele Romanelli e realizzato in collaborazione con Diego Paccagnella.

 

Romanelli appartiene ad una famiglia che da tre generazioni lavora nel mondo dell’hotellerie ed è il proprietario di Hotel Flora e Novecento Boutique Hotel; Paccagnella è direttore creativo e fondatore di Design-Apart, piattaforma internazionale esportatrice del design Made in Italy a New York.

 

Insieme, hanno creato uno spazio di charme dove abitare, lavorare, coltivare relazioni e vivere la città, uno spazio dove tutto è realizzato su misura per fornire i comfort di un elegante boutique hotel combinati all’autonomia tipica di una vera casa.

 


All’interno di un palazzo tipico veneziano, la porta d’ingresso si apre sul piano nobile completamente ristrutturato: le grandi finestre fanno entrare un’esplosione di luce, tre imponenti portali collegano gli ambienti di tutta la zona giorno in maniera fluida, incentivando la socialità del contesto.

 


La cucina a isola e la sala da pranzo
separata, che all’occorrenza si trasforma in sala meeting, chiudono un quadro abitativo dipinto con i colori della natura lagunare, rosa, verde, giallo, blu, che pervadono in particolare le stanze da letto, con tappezzerie intonate e comodini pensati come portafiori.

 


Ogni camera possiede inoltre il proprio angolo lettura e la propria area SPA dotata di hammam, mentre le sale da bagno, ampie e confortevoli, appaiono come una sorta di giardino privato in cui rilassarsi e rigenerarsi.

 

Le pareti divisorie tra zona notte e bagno riprendono i vecchi serramenti delle serre, i lavabi sono doppi, con una delle due vasche dedicata alle piante; il controllo dell’areazione è garantito dall’alta tecnologia firmata Elica.

 

L’architetto Matteo Ghidoni dello studio Salottobuono e l’interior designer Laura Sari di Reveria si sono occupati di reinterpretare gli arredi tipici veneziani, a partire dalla graniglia dei lavandini, passando per la pietra verde che caratterizza il top della cucina creata da TM Italia, fino ai tessuti Rubelli e agli accessori in vetro di Salviati.

 

Oltre venti aziende italiane hanno collaborato alla realizzazione del progetto Casa Flora, che vuole rappresentare il meglio della cultura dell’ospitalità targata Italia.

Questo articolo parla di:

Precedente

A Torino si raccontano le Architetture da favola

Successivo

La nuova sede di Amazon a Porta Nuova

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova
Architettura

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova

Si chiama Gioia22 il progetto per il nuovo grattacielo direzionale che sorgerà nel quartiere milanese di Porta Nuova, andando...

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)
Design

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)

Usanza americana utile a tastare il polso della propensione all’acquisto in vista dell’imminente shopping natalizio (il...

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra
Design

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra

Se la qualità dei prodotti Ethimo avesse mai avuto bisogno di un’ulteriore conferma, eccola: il German Design Award...