Progetto Lehariya, l’India tra architettura globale e artigianato locale Progetto Lehariya, l’India tra architettura globale e artigianato locale
Architettura

Progetto Lehariya, l’India tra architettura globale e artigianato locale

Scritto da Redazione |

06 Giugno 2016

OBR è l’acronimo di Open Building Research, una realtà che non è soltanto uno studio ma un vero e proprio polo di architettura globalizzata e, grazie al lavoro dei soci fondatori Paolo Brescia e Tommaso Principi, il network che inizialmente collegava l’originaria Genova a capitali come New York, Milano e Londra oggi si è steso fino alla (non più) lontana India.

 

Proprio a Jaipur, in una delle città più importanti del subcontinente, è in corso di realizzazione il progetto Lehariya, che prevede la creazione di un grande cluster in uno spazio di oltre 46 800 metri quadri, pensato per ospitare al piano terra alcune aree commerciali, mentre i piani superiori saranno dedicati agli uffici.

 

Gli architetti hanno scelto di evitare l’effetto “casermone industriale” che fin troppo spesso caratterizza questa tipologia di costruzione, preferendo adottare un approccio speciale, che consentisse di valorizzare artigianato e maestranze locali.

 

La struttura si articola su quattro distinti edifici separati l’uno dall’altro da grandi pannelli verticali che si estendono oltre i confini laterali dell’edificio stesso, andando a creare uno stupefacente effetto di trasparenze sovrapposte; esse risultano particolarmente utili non solo sotto il profilo scenografico ma anche a fini climatici, in quanto costituiscono una sorta di copertura-filtro, atta a produrre una naturale ombreggiatura allo scopo di mettere al riparo dall’eccessivo calore gli ambienti interni.

 

Ciascun pannello si presenta in realtà come la trama di un tessuto a maglie larghe, in quanto essi sono costituiti da un sofisticato sistema di listelli in ceramica (per un totale di circa 60 000) disposti in maniera sfalsata lungo sottili barre metalliche verticali, rappresentando lo schermo mediante il quale gli ambienti interni possono affacciarsi sul paesaggio circostante.

 

L’ispirazione è venuta dal convincimento che fosse necessario rimettere in connessione la grande architettura contemporanea con la millenaria tradizione artistica e artigianale indiana: le ceramiche saranno tutte realizzate a mano dagli artigiani del Rajasthan e declinate secondo un cromatismo non casuale ma conforme ai colori tradizionali, caratterizzando ogni pannello in modo diverso e speciale.

 

La collaborazione con le realtà operative locali e l’attenzione alla storia e alla cultura del popolo indiano rappresentano un messaggio di positività e interazione, che guarda alla molteplicità di valori e costumi come ad una risorsa di arricchimento collettivo, la quale a maggior ragione può trovare espressione nelle grandi opere dell’edilizia moderna.

 

Un concetto di architettura che parte dal basso e si nutre del coinvolgimento delle popolazioni locali, attingendo alle loro antiche conoscenze tecniche e ambientali, per trovare soluzioni innovative, capaci di plasmare il volto delle città del futuro.

Questo articolo parla di:

Fotografie di www.obr.eu

Precedente

A Dubai il primo edificio stampato in 3D

Successivo

TAKING CARE, il progetto italiano alla Biennale di Architettura

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova
Architettura

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova

Si chiama Gioia22 il progetto per il nuovo grattacielo direzionale che sorgerà nel quartiere milanese di Porta Nuova, andando...

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)
Design

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)

Usanza americana utile a tastare il polso della propensione all’acquisto in vista dell’imminente shopping natalizio (il...

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra
Design

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra

Se la qualità dei prodotti Ethimo avesse mai avuto bisogno di un’ulteriore conferma, eccola: il German Design Award...