Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre
Architettura

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre

Scritto da Redazione |

19 Settembre 2017

Un luogo unico per lavorare, un vasto spazio trasparente e luminoso, aperto verso l’esterno,

un intervento rispettoso della memoria industriale del complesso ma orientato alla contemporaneità grazie ai concetti di sostenibilità e smart working: è questo il progetto del nuovo headquarter di Prysmian Group a Milano, curato dallo studio di architettura di Maurizio Varratta e da DEGW, brand del Gruppo Lombardini22. 

La vasta struttura è composta da quattro corpi di fabbrica intervallati a loro volta da due serre bioclimatiche, ossia spazi vetrati a tripla altezza caratterizzati dalla presenza di aree verdi, luoghi di relazione e sistemi di collegamento orizzontali e verticali che connettono tra loro i vari corpi di fabbrica destinati agli uffici. 

Queste serre a tripla altezza di collegamento con i blocchi uffici sono in effetti il vero tratto caratterizzante della sede milanese di Prysmian Group: oasi verdi completamente fruibili attraverso le quali si ottengono sensibili vantaggi legati all’illuminazione naturale, alla regolazione del microclima e migliori prestazioni energetiche complessive.

Le serre inoltre contribuiscono in modo significativo al miglioramento della qualità del lavoro in team, attivando dinamiche flessibili e informali in cui la relazione professionale cresce grazie al dialogo, alla collaborazione e al benessere ambientale. 

La copertura delle serre è costituita da una struttura a falde inclinate tamponata con dei serramenti in alluminio caratterizzati da ampie vetrate; le falde rivolte a nord favoriscono l’illuminazione naturale, senza apporto di calore, dei blocchi ufficio che si affacciano su di esse e sono dotate di parti apribili per favorire nella stagione estiva il raffrescamento naturale. 

Le falde rivolte a sud sono invece caratterizzate dalla presenza di lamelle frangisole orientabili controllate meccanicamente in modo da favorire l’illuminazione naturale e nel contempo ridurre l’irraggiamento solare diretto e il relativo apporto di calore.

Infine, all’intradosso le superfici vetrate di entrambe la falde sono equipaggiate con tende a rullo avvolgibili meccanicamente che hanno la funzione di schermare e regolare la luminosità e l’abbagliamento. 

Per quanto riguarda l’aspetto legato agli spazi di lavoro in senso stretto, la consulenza di DEGW per l’interior design, lo space planning e la scelta degli arredi dialoga in modo armonico con l’architettura essenziale, minimale, tecnologica firmata dallo studio

Varratta, a partire dai materiali scelti: vetro, alluminio anodizzato, acciaio inox, metacrilato

Lo stile dell’arredo volutamente sobrio si accende poi di colore nelle zone informali e nelle serre, dove la luce naturale ne esalta le cromie, valorizzandole; un’occasione in più per innovare le modalità legate al modo quotidiano di lavorare.

Questo articolo parla di:

Precedente

Thailandia, il centro sportivo è eco-friendly

Successivo

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo

Progetto CMR a Milano: le nuove architetture raccontate da Massimo Roj
Architettura

Progetto CMR a Milano: le nuove architetture raccontate da Massimo Roj

Dal 1994 Milano è il quartier generale di una squadra di professionisti impegnati a progettare il futuro: sono il team di...

Torre ABS, il progetto eco di Studio Archimeccanica
Architettura

Torre ABS, il progetto eco di Studio Archimeccanica

Si vede tutto lo slancio innovativo tipico dell’identità di Studio Archimeccanica nel progetto della Torre ABS...

Diesel e Scavolini presentano Diesel Open Workshop
Design

Diesel e Scavolini presentano Diesel Open Workshop

Moda e design sono mondi sempre più vicini. Lo dimostra, per esempio, Diesel Open Workshop, il programma di Scavolini in...