RCR Arquitectes vince il Pritzker Prize 2017 RCR Arquitectes vince il Pritzker Prize 2017
Architettura

RCR Arquitectes vince il Pritzker Prize 2017

Scritto da Redazione |

03 Marzo 2017

Quest’anno il Nobel dell’architettura si fa in tre. E’ stato infatti proclamato il vincitore del Pritzker Architecture Prize 2017 e si tratta dello studio spagnolo RCR Arquitectes, con sede a Girona, composto dai tre architetti Rafael Aranda, Carme Pigem e Ramon Vilalta: sono loro la scelta della giuria internazionale di esperti formata da alcune delle migliori personalità attive nel campo dell’architettura ma anche dell’impresa e della cultura in generale.

 

RCR Arquitectes rappresenta una realtà innovativa e alternativa rispetto al consolidato panorama delle archistar: i tre fondatori, tutti nati nei primi anni Sessanta e laureatisi insieme presso l’Escola Tecnica Superior d’Arquitectura del Vallès, collaborano da circa trent’anni alla realizzazione di progetti nel campo dell’edilizia pubblica e privata, occupandosi anche della costruzione di strutture scolastiche, musei e biblioteche.

 


Tra le opere significative, possiamo annoverare senza dubbio la riqualificazione e ristrutturazione dell’antico Barberì Laboratory, una fonderia risalente all’inizio del secolo scorso che oggi è diventata la sede dello studio, così come la Bell-Lloc Winery, caratterizzata da un percorso geometrico underground particolarmente suggestivo.

 

I progetti curati da RCR Arquitectes si distinguono per la capacità di porsi in sintonia con il paesaggio ospitante, preservando le radici di un luogo, senza subire il fascino delle metropoli contemporanee e anzi adottando un “approccio consapevole e riflessivo”, come segnalato nelle motivazioni che hanno condotto all’assegnazione del premio.

 

Dopo i numerosi riconoscimenti già ricevuti in giro per il mondo, tra cui la Médaille d’Or de l’Académie d’Architecture Française nel 2015 e l’International Fellows by the Royal Institute of British Architects (RIBA) nel 2012, solo per citare i più recenti, i tre architetti riceveranno il Pritzker Prize il prossimo 20 maggio a Tokyo, presso la State Guest House dell’Akasaka Palace.

Questo articolo parla di:

Precedente

Green Cube, l’innovazione è eco-compatibile

Successivo

Dal passato al futuro: così L22 fa rinascere l’architettura storica di Milano

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo
Design

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo

Sicurezza al primo posto, senza rinunciare all’estetica. La porta d’ingresso, confine tra interno ed esterno, tra...

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino
Architettura

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino

Al cinema torna di moda la fantascienza, ma anche l’architettura non scherza.  Lo studio d’architettura scandinavo...

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection
Design

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection

Tra i debutti più attesi che segneranno la prossima edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai, dal 23 al 25 novembre...