Soho Farmhouse, un sogno bucolico alle porte di Londra Soho Farmhouse, un sogno bucolico alle porte di Londra
Architettura

Soho Farmhouse, un sogno bucolico alle porte di Londra

Scritto da Redazione |

01 Giugno 2016

Un po’ farm, un po’ beauty farm. Sbarca nell’Oxfordshire, ad appena novanta minuti da Londra, la nuova Soho Farmhouse, un agriturismo di lusso immerso nella verde campagna inglese, nato dalla ristrutturazione di un casale rustico risalente al diciottesimo secolo.

 

Il progetto, curato dall’architetto Michaelis Boyd, prevede opzioni abitative differenziate: quaranta stanze bungalow, un farm cottage capace di ospitare fino a otto persone e infine una vera e propria fattoria di epoca vittoriana, dotata di quattordici posti letto, con la possibilità di usufruire del room service e la disponibilità del personale di servizio dedicato.

 

Naturalmente, ogni dettaglio è pensato per garantire agli ospiti l’opportunità di trascorrere giornate tra riposo e svago, grazie all’amplissima gamma di comfort offerti, a cominciare dalla spa deluxe, con sauna, bagno turco e bagno ghiacciato.

 

Qualità della vita significa anche qualità del cibo: per questo, nel cortile del complesso trova posto Farmyard, un ristorante rustico-gourmet la cui cucina tradizionale si rispecchia nelle proposte culinarie locali offerte anche dal vicino Barwell Barn, un delizioso pub-bistrot dallo stile casereccio.

 

Un’area speciale è poi quella rappresentata della Boathouse, dove c’è spazio per un elegante ristorante giapponese, ma anche per un solarium e per una piscina in versione indoor e outdoor, incastonata in un laghetto dove è possibile godersi piccole regate in barca.

 

E le sorprese non finiscono qui: in questa suggestiva atmosfera bucolica i progettisti hanno voluto ricreare un vero e proprio paradiso delle vacanze, inserendo un campo da calcetto, una zona fitness, una pista da pattinaggio e addirittura un cinema.

 

Il design d’interni, studiato da Nick Jones e Vicky Charles, riprende lo stile tipico del countryside britannico, richiamato da materiali legati alla tradizione come il legno combinati a pezzi d’antiquariato, senza tuttavia rinunciare all’ispirazione contemporanea, espressa alla perfezione dal gusto minimale degli arredi, in cui la sobrietà del vintage si sposa con l’essenzialità della decorazione moderna.

 

Un luogo d’incanto, dove il tempo pare essersi fermato in un passato che sa di grano e di campagne, un quadro antico, eppure pieno di tutte quelle comodità che addolciscono la nostra frenetica vita moderna.

Questo articolo parla di:

Fotografie di www.sohofarmhouse.com

Precedente

Mattoni SanMarco, la proposta tedesca per l’Arrival City del futuro

Successivo

Hoshinoya, il glamping all’ombra del monte Fujii

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C
Design

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C

È il momento degli specchi. Adele-C, azienda nata nel 2009 da un’idea imprenditoriale di Adele Cassina, arricchisce la...

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving
Design

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving

Cambiano il mondo e la società, e con essi le case che abitiamo. Non è esagerato dire che proprio in questi anni si sta aprendo una...

Chairs & More debutta a Orgatec 2018
Design

Chairs & More debutta a Orgatec 2018

È tempo di esplorare nuove possibilità per Chairs & More: quest’anno, forte della propria esperienza sul fronte...