Studio KO, a Essaouira la casa di pietra dal sapore antico Studio KO, a Essaouira la casa di pietra dal sapore antico
Architettura

Studio KO, a Essaouira la casa di pietra dal sapore antico

Scritto da Redazione |

29 Agosto 2016

E’ il sole arido e cocente dell’Africa quello che batte con insistenza sul tetto piatto e squadrato di una casa fortino costruita in pietra grezza e monocroma nelle vicinanze della leggendaria Essaouira, città di origine berbera affacciata sull’esotica costa marocchina.

 

L’abitazione, in bilico tra approccio contemporaneo e senso del primitivo, è la recente, affascinante creazione di Karl Fournier e Olivier Marty, i due celeberrimi architetti francesi cui si deve la fondazione dello Studio KO, tra i più rinomati nel panorama mondiale.

 

Suddivisa in solidi blocchi di muro a secco, perfettamente integrati nel paesaggio e comunicanti gli uni con gli altri grazie ad architravi e passaggi sopraelevati, la casa è un mosaico minimalista, giocato su toni naturali e materiali locali, come la pietra Benslimane scelta per i pavimenti, i marmi tipici che fanno capolino qua e là, gli arredi tradizionali, selezionati nelle botteghe artigiane del luogo.

 

Così, il cemento che accomuna la struttura dei bagni ad alcuni soffitti (alternati ad altri, caratterizzati invece da un rivestimento vegetale) viene ripreso dalla vasca della piscina esterna e dal piano di lavoro della cucina di Arrex, mentre tappeti berberi realizzati in lana e tessuti recuperati fungono da arazzi appesi alle pareti, tra tende di lino spesso e sedute di paglia.

 

Grandi finestre aprono squarci sugli alberi di Argan che dominano il paesaggio esterno, come quella, lunga ben sette metri, affacciata sul terrazzo di un’essenzialità quasi spoglia, diversa eppure simile nella sua semplicità all’altra vetrata fondamentale, che guarda al cortile popolato di ulivi e piante grasse.

 

A incorniciare ogni cosa, il silenzio del deserto, che risuona come un’ode alla vita lenta, immersa nella luce e nel calore, celebrata dal gusto antico di un’architettura che scopre e rilancia le tradizioni passate.

Questo articolo parla di:

Fotografie di Studio KO

Precedente

Groot Bay, una villa bianca sulla costa del Sudafrica

Successivo

Giappone, ecco il reticolo antisismico più bello e leggero del mondo

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo
Design

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo

Sicurezza al primo posto, senza rinunciare all’estetica. La porta d’ingresso, confine tra interno ed esterno, tra...

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino
Architettura

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino

Al cinema torna di moda la fantascienza, ma anche l’architettura non scherza.  Lo studio d’architettura scandinavo...

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection
Design

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection

Tra i debutti più attesi che segneranno la prossima edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai, dal 23 al 25 novembre...