Una finca etno-chic tra le colline di Ibiza Una finca etno-chic tra le colline di Ibiza
Architettura

Una finca etno-chic tra le colline di Ibiza

Scritto da Redazione |

08 Settembre 2016

C’è una Ibiza sconosciuta ai più, che rimane nascosta agli occhi di chi non sa che esiste, fino al termine dell’estate, quanto il turismo selvaggio della movida notturna scompare e restano solo lo sciabordio del mare e la luce del sole a incorniciare la natura esotica dell’isola spagnola più bella.

 

E’ qui, a Casa Can Pep Juano, che trascorrono la maggior parte dell’anno i proprietari Roze de Witte e Pierre Traversier, viaggiatori creativi innamorati di questa tradizionale finca isolana, tanto da trasformarla nel loro rifugio elettivo, disordinato e senza regole come il tempo delle vacanze.

 

L’abitazione è un elegante edificio dallo spirito etnico, dove una veranda introduce gli ospiti al paesaggio circostante, tra poltrone in rattan di seconda mano, lampade artigianali sospese, tappeti intrecciati, panche e tavolini in legno d’ulivo. Sempre all’esterno si trovano, immerse nel verdeggiante giardino, la piscina cristallina dalle linee sinuose e addirittura una capanna sull’albero, adibita a bagno grazie alla doccia quasi primitiva.

 

I muri sono lasciati a vivo e appena rivestiti di calce, una scala in muratura conduce al piano superiore, dove la camera da letto si riempie dell’essenziale, lenzuola in cotone egiziano, zanzariera, tappeti etnici, mentre nel bagno gli arredi sono realizzati in rigoroso cemento dipinto, qua e là spuntano specchi di ferro battuto restaurati e punti luce in fibra naturale.

 

Nel living, anch’esso situato sul livello rialzato, spiccano le travi del soffitto in legno di conifera, a cui sono appesi velieri di legno riprodotti artigianalmente, un tocco di originalità esotica che ben si sposa con i maxi cuscini berberi, i Peacock chair in midollino e i tavolini d’acciaio.

 

Materiali grezzi, ceramiche, mobili vintage, tessuti etnici creano un contesto da sogno, scaldato dalla presenza di ben due focolari, uno in ghisa e l’altro in pietra, secondo una visione che fa dell’estetica tradizionale la base perfetta su cui innestare pezzi di design contemporaneo, come le Panton Chair di Vitra, personalizzate in color oro.

 

Un modo per salutare il mondo e godersi il Paradiso, sulla Terra.

Questo articolo parla di:

Fotografie di Gaelle Le Boulicaut

Precedente

Power & Architecture, a Londra il viaggio nell’architettura post sovietica

Successivo

Pankhasari Retreat, un resort sostenibile sull’Himalaya

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo
Design

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo

Sicurezza al primo posto, senza rinunciare all’estetica. La porta d’ingresso, confine tra interno ed esterno, tra...

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino
Architettura

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino

Al cinema torna di moda la fantascienza, ma anche l’architettura non scherza.  Lo studio d’architettura scandinavo...

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection
Design

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection

Tra i debutti più attesi che segneranno la prossima edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai, dal 23 al 25 novembre...