UpTown, il nuovo smart district di Milano UpTown, il nuovo smart district di Milano
Architettura

UpTown, il nuovo smart district di Milano

Scritto da Redazione |

19 Giugno 2017

Se smart è la parola del nuovo millennio, Milano è pronta per esserne la guida. 

A partire dal nuovo distretto che sta sorgendo a nord ovest della città, nella zona di accesso a sud di Arexpo, uno smart district sviluppato da EuroMilano e progettato dagli studi di architettura Scandurra e Zanetti Design per creare un quartiere residenziale esteso su 330 mila metri quadri totali

Denominato UpTown, il progetto prevede la realizzazione di 4500 appartamenti che arriveranno ad ospitare fino a 10 mila residenti, la creazione di un parco ampio circa 2500 metri quadri su cui cresceranno ben 3500 alberi, a cui si aggiungono impianti per lo sport e lo svago, una serie di aree giochi dedicate ai bambini, 10 km di percorsi pedonali all’interno dello spazio verde e 10 km di piste ciclabili collegate al centro e a l servizio BikeMi. 

È inoltre prevista la costruzione di un centro commerciale dotato di area ricreativa indoor e di un centro scolastico che ospiterà dalla scuola dell’infanzia alla primaria di secondo grado, per un potenziale di circa 920 alunni. 

Perché definire il distretto smart? Innanzitutto perché si tratterà del primo quartiere italiano totalmente a impatto zero, dal momento che tutti gli edifici appartengono alla classe A+, il riscaldamento è garantito dalla più grande rete geotermica residenziale mai realizzata in Italia e dal teleriscaldamento, cui si uniscono i sistemi fotovoltaico e led per l’illuminazione. 

Fondamentale sarà poi l’apporto della domotica, grazie alla quale sarà possibile gestire il funzionamento di luci, tapparelle, riscaldamento, raffrescamento, carichi, musica, videosorveglianza ed anti-intrusione, tutto da un unico dispositivo, utilizzando il videocitofono come centrale operativa di casa con la possibilità di interagire da remoto attraverso il proprio smartphone.

Ancora, un innovativo sistema di gestione degli accessi privati e pubblici consentirà l’ingresso alla propria abitazione o agli spazi di coworking, palestra, spazio bimbi e lavanderia mediante  due semplici chiavi, di cui una elettronica che permette di aumentare la sicurezza grazie al controllo accessi selettivo ed regolata a consumo, per pagare solo i servizi utilizzati. 

Da segnalare anche il valore aggiunto costituito dalla ristrutturazione completa di Cascina Merlata, diventata un hub con servizi di utilità pubblica come il centro medico, ciclo officina, drop-off per  l’ecommerce, sala prove, ristorante, gelateria e gastronomia ed un market agricolo, servizi welfare, sala convegni. 

UpTown mira così a favorire la nascita di una nuova grande comunità di persone, attraverso la realizzazione di spazi multifunzionali e open source a disposizione di studenti, imprenditori e residenti.

Questo articolo parla di:

Precedente

Milano, il Politecnico cresce grazie a un’idea di Renzo Piano

Successivo

L’Unione Industriale si veste di nuovo: presentato il bando di concorso

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo
Architettura

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo

Siamo sulla pittoresca isola greca di Creta, distesa sulle acque del Mar Egeo. Qui, lo studio di progettazione Elastic...

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco
Design

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco

Anche il brand Déco, nato nel 2010 e forte di un incremento del proprio fatturato pari al 60% solo nell’ultimo anno, partecipa...

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre
Architettura

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre

Un luogo unico per lavorare, un vasto spazio trasparente e luminoso, aperto verso l’esterno, un intervento rispettoso...