A Rodrigo Rodriquez il Compasso d’Oro ADI alla carriera A Rodrigo Rodriquez il Compasso d’Oro ADI alla carriera
Design

A Rodrigo Rodriquez il Compasso d’Oro ADI alla carriera

Scritto da Redazione |

06 Luglio 2016

“Imprenditore appassionato, di solida formazione manageriale cresciuta nel vivo della cultura del progetto di design, ha saputo ricercare e praticare modelli organizzativi e relazionali che hanno segnato l’evoluzione del panorama industriale e la cultura del Made in Italy”.

“Nuovi ambiti, nuovi materiali, nuove formule di condivisione del sapere sono territori congeniali alla sua curiosità e alla sua generosità. Un percorso, il suo, contraddistinto da ultimo da un costante impegno nella diffusione dei valori del design italiano nel mondo”.

Passione, curiosità, italianità. Basterebbero queste tre parole per giustificare l’assegnazione a Rodrigo Rodriquez, attuale Presidente di Material ConneXion Italia, del premio di design Compasso d’Oro ADI alla carriera.

Una carriera, la sua, lastricata di successi: laureato in giurisprudenza con un master in Business Administration, dopo un’esperienza a Londra comincia a lavorare nel settore del mobile già nel 1969, ricoprendo numerose cariche di rilievo, tra i quali si segnala il ruolo prima di Direttore Generale, poi di Vicepresidente e Amministratore Delegato per Cassina, in anni durante i quali Rodriquez sarà l’artefice del successo del marchio e del suo posizionamento in primo piano nel panorama del mercato internazionale.

Dal 1998 al 2002 è Presidente di FederlegnoArredo, pochi anni dopo assume la leadership di ISIA Design Firenze, in un’ascesa scandita da capacità manageriali eccezionali e da uno sguardo sempre sintonizzato sulla contemporaneità, puntato sul futuro. Qualità rare che Rodriquez mette in campo anche oggi, in qualità di Presidente di Material ConneXion Italia, il più importante network internazionale di ricerca e consulenza per i materiali, l’innovazione e la sostenibilità con sedi in tutto il mondo, tra cui Milano e New York.

Una vita contraddistinta dalla sensibilità per lo scambio relazionale e da una visione illuminata, nella convinzione che solo dalla comunicazione di testa e cuore può nascere il progresso, caratteristiche che gli hanno meritato il riconoscimento prestigioso del Compasso d’Oro, istituito nel 1954 dall’idea di Gio Ponti, un altro che di testa e cuore se ne intendeva parecchio.

Questo articolo parla di:

Precedente

CEA Design, l’eleganza dei dettagli nella nuova Villa T

Successivo

Fabbian Illuminazione, pareti luminose per piscine di lusso

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...