Adopt an object, la campagna di raccolta fondi del nuovo London Design Museum Adopt an object, la campagna di raccolta fondi del nuovo London Design Museum
Design

Adopt an object, la campagna di raccolta fondi del nuovo London Design Museum

Scritto da Redazione |

02 Settembre 2016

Per il prossimo 24 novembre è meglio tenersi liberi. Proprio in questa data, ormai piuttosto vicina, si svolgerà infatti a Londra, in Kensington High Street, l’inaugurazione del nuovo London Design Museum, il più grande museo di design del mondo, articolato su 10 mila metri quadri di spazi espositivi, tutti dedicati al variegato universo della progettazione industriale.

 

Un viaggio nella dimensione dell’innovazione più creativa che comincerà in grande stile con l’apertura al pubblico della grande mostra permanente ospitata dalla nuova istituzione museale e con l’esordio di due esposizioni temporanee intitolate rispettivamente “Designs of the year” e “Fear and Love: Reactions to a Complex World”.

 

Fin qui tutto liscio, salvo che per un piccolo ma non irrilevante dettaglio: la realizzazione del museo è costata complessivamente circa un milione di euro, e ai promotori ne mancano più o meno 200 mila per coprire interamente le spese del progetto.

 

Una situazione problematica, che tuttavia a Londra hanno deciso di risolvere all’insegna dell’understatement (in fondo, sono inglesi): è stata dunque lanciata l’iniziativa solidale “Adopt an object”, un’originale campagna di raccolta fondi che mira a coinvolgere la collettività.

 

Coloro che decideranno di partecipare, con una donazione di 5 sterline, potranno scegliere da sito web del museo uno dei dodici oggetti design proposti e sostenerlo, ricevendo in cambio un filmato del pezzo selezionato per far parte della collezione permanente del museo e anche la registrazione del loro nome in una apposita lista pubblicata sulla piattaforma online ufficiale del museo.

 

Un modo, semplice, economico e generoso, per lasciare arricchire con il proprio nome la grande famiglia del design internazionale.

Questo articolo parla di:

Precedente

Vimar a Marostica per celebrare le radici dell’azienda

Successivo

Così riparte il design italiano

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...