Aeroporto di Istanbul, all’italiana Daliform Group la commessa per la pavimentazione Aeroporto di Istanbul, all’italiana Daliform Group la commessa per la pavimentazione
Design

Aeroporto di Istanbul, all’italiana Daliform Group la commessa per la pavimentazione

Scritto da Redazione |

21 Aprile 2016

Quanto più solida e ottimale è la base di lancio, tanto più straordinaria sarà l’esperienza di spiccare il volo. Un discorso valido a maggior ragione se i voli in questione sono quelli che partiranno dall’aeroporto più grande del mondo, dotato di sei piste d’atterraggio e ben tre terminal, capace, quando funzionerà a pieno regime, di garantire gli spostamenti aerei per circa 200 milioni di passeggeri all’anno.

 

Stiamo parlando del nuovo aeroporto di Istanbul, in Turchia, che sorgerà a circa 35 km dal centro cittadino, sulla base di un progetto elaborato da AECOM in collaborazione con l’italiana Pininfarina. Un’impresa grandiosa, in cui decisivo, fin dalle fondamenta, sarà proprio il contributo Made in Italy, dal momento che ad aggiudicarsi la multimilionaria commessa per la sopraelevazione del pavimento industriale è un’altra azienda italiana, Daliform Group.

 

L’accordo è stato firmato direttamente con IGA (Istanbul Grand Airport), il consorzio di contractor-leader turchi concessionario per la costruzione e la gestione del nuovo hub internazionale, e prevede una fornitura iniziale di 186 000 mq dell’innovativo sistema costruttivo Atlantis, ritenuto il più adatto per realizzare la pavimentazione, in virtù delle sue eccezionali qualità in termini di flessibilità e tecnologia ingegneristica, che garantiscono la risoluzione di tutte le possibili problematiche strutturali evidenziate dal progetto.

 

Daliform, gruppo leader nel settore delle costruzioni per quanto riguarda l’ideazione e la produzione di manufatti in plastica, si conferma ancora una volta un modello di eccellenza per competenza, ricerca e sviluppo sul piano globale, un primato del resto ribadito anche in passato dai numerosi incarichi ricevuti a livello internazionale e dalle prestigiose collaborazioni con architetti del calibro di Renzo Piano, Zaha Hadid, Jean Nouvel e molti altri.

 

Come è evidente, infatti, i prodotti targati Daliform si distinguono da sempre per gli elevati standard di qualità estetica e funzionale coniugati ad un impareggiabile apporto innovativo, che li rende particolarmente appropriati a qualsiasi tipo di progetto architettonico, compresi quelli più visionari. A partire da tali presupposti non stupisce dunque la partecipazione dell’azienda al processo costruttivo del maestoso aeroporto, su cui ora, grazie a Daliform, sventola anche la bandiera dell’Italia, quella migliore, dinamica, innovativa, quella già proiettata verso il futuro del mondo.

Questo articolo parla di:

Precedente

Smeg e Dolce&Gabbana, ecco i frigoriferi dell’antica Sicilia

Successivo

Credenza, il design di Spazio Pontaccio tra sacro e profano

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...