Alma Design, il legno al centro di tutto Alma Design, il legno al centro di tutto
Design

Alma Design, il legno al centro di tutto

Scritto da Redazione |

29 Giugno 2017

È il legno il nuovo protagonista della collezione firmata Alma Design e progettata grazie alla collaborazione con Mario Mazzer, autore di ogni pezzo presente nella linea, al quale ha saputo conferire l’adeguata carica di originalità e bellezza.

Si parte dall’iconica collezione Virna, mix di memoria e contemporaneità comprendente seduta, poltroncina e sgabello, ideale per valorizzare l'ambiente living di spazi residenziali e contract. la struttura in massello di faggio naturale, tinto noce o nero, si estende con una particolare inclinazione sino a creare i braccioli, confermando l’equilibrata composizione delle linee, ispirate agli anni ’50, mentre il sedile si incastra perfettamente nelle gambe, rastremate per conferire una maggiore eleganza;  disponibile nella versione in polipropilene, con differenti colorazioni, o imbottito, rivestito in pelle o tessuto, esso può creare un piacevole contrasto oppure suggerire un raffinato arredo tono su tono. 

La collezione di tavoli Clint nasce invece dall’accostamento di due elementi dalle differenti caratteristiche formali e materiche: Il piano, in legno, è essenziale ed elegante, in quanto il profilo, rettangolare, è reso importante dal suo spessore e dalla preziosità delle sfumature del legno, disponibile in finitura naturale o scura; a sostenere il top, così lineare e rigoroso, una base che si sviluppa invece a partire da una geometria complessa, realizzata in lamiera di acciaio, piegata e modellata sino ad assumere una forma scultorea, simile a un origami.

Ancora, la collezione di tavoli Woodbridge riunisce suggestioni orientali e gusto per l’artigianalità e i dettagli importanti: elemento cardine del progetto è la struttura, in cui sono sintetizzati con eleganza il concept di riferimento e la cura dell’azienda nella lavorazione dei materiali; il piano in legno, rettangolare, è infatti sostenuto da una base scultorea, la cui forma ricorda i pittogrammi usati nell’impero del Sol Levante mentre la loro mordidezza grafica determina il profilo degli elementi di sostegno, caratterizzati da una sezione circolare costante e sempre uguale. 

Infine, un equilibrato accostamento di dettagli formali e riferimenti definisce la versatile collezione di tavoli Paloalto: la linea nasce infatti dall’unione di concept tra loro antitetici, interpretati da altrettanti materiali e armonizzati da un design fortemente identitario, con un gioco di tubolari di acciaio, di matrice industriale, che definisce la base, la quale sostiene un piano in rovere dal profilo rettangolare.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

L’innovazione, la tradizione e l’anima: Alessandro Zambelli racconta il suo design

Successivo

Vanitas Espai, ristrutturare la bellezza grazie a HI-MACS

Inda, tutte le novità al Salone del Mobile 2018
Design

Inda, tutte le novità al Salone del Mobile 2018

Ci sarà anche Inda tra i protagonisti del Salone internazionale del Mobile che si terrà quest’anno dal 17 al 22 aprile a Fiera...

Catellani&Smith, la Macchina della Luce tra arte e design
Design

Catellani&Smith, la Macchina della Luce tra arte e design

Arte, scultura o design?  È tutte queste cose insieme la Macchina della luce, scenografica creazione del brand...

Antonio Citterio e Patricia Viel per la nuova Taipei Sky Tower
Architettura

Antonio Citterio e Patricia Viel per la nuova Taipei Sky Tower

Un grattacielo verde, a forma di canna di bamboo. È questo il progetto che cambierà in pochi anni lo skyline della città di...