Carl Hansen & Son, restyling per la CH25 Carl Hansen & Son, restyling per la CH25
Design

Carl Hansen & Son, restyling per la CH25

Scritto da Redazione |

21 Novembre 2017

Mai fermare il rinnovamento: è questo il motto che indirizza il percorso di Carl Hansen & Son, colosso del mobile danese che sceglie ogni giorno di riscoprire i grandi maestri del design per riportarli all’attualità, valorizzandoli con tocchi di novità. 

È il caso della lounge chair CH25 di Hans J. Wegner, nobile esempio dell’arte dell’intrecciatura, che finora tuttavia era stata realizzata esclusivamente in quercia e rovere fumé, mentre d’ora in poi sarà disponibile anche in noce, aggiungendo una nuova estetica a questo modello. 

La CH25, uno dei primi quattro capolavori iconici che Wegner ha progettato in esclusiva per Carl Hansen & Son nel 1950, con schienale e seduta in corda di carta, si distingue da sempre per la sua eleganza confortevole e disinvolta e per la cura dei dettagli, mostrando il notevole talento del giovane Wegner, sia come designer sia come ebanista. 

Così Knud Erik Hansen, CEO di Carl Hansen & Son, descrive il progetto: 

L’introduzione da parte di Carl Hansen & Son della CH25 in noce americano trattato ad olio rispecchia il crescente interesse per gli arredi realizzati con questo particolare tipo di legno. L’intensità che caratterizza il legno di noce offre un interessante contrasto per l’architettura moderna e allo stesso tempo si abbina perfettamente ai contesti più tradizionali. Questo tipo di legno aggiunge anche una nuova estetica all’elegante lounge chair, caratterizzata da un design raffinato e da un’accurata lavorazione artigianale.” 

“La seduta con intreccio a doppia trama ha rappresentato una vera e propria sfida già nel 1950, perché richiede una tecnica speciale e notevoli abilità. La CH25 è stata progettata in collaborazione con uno dei migliori tessitori del laboratorio, di grande ispirazione per il giovane Wegner, che ha utilizzato la corda di carta intrecciata per le sue prime quattro sedie iconiche.” 

Il design della CH25 presenta analogie con le sedie a sdraio dell’epoca: le gambe anteriori e i braccioli inclinati all’indietro, la seduta con doppia curvatura, con la curva che prosegue lungo le gambe posteriori, così come lo schienale ad angolo, sono tutti elementi ingegnosi di per sé che, messi insieme, creano un effetto dinamico. 

La seduta è ora disponibile in quercia o rovere fumé con diverse finiture, o in noce con finitura ad olio o laccato, in corda di carta naturale o nera. Senza perdere un briciolo del suo fascino senza tempo.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo

Successivo

FICO a Bologna, le cucine e i living li firma Scavolini

Esedra presenta il nuovo bagno in Livin-Stone
Design

Esedra presenta il nuovo bagno in Livin-Stone

Si chiama Livin-Stone ed è l’innovativo solid surface che Esedra, brand di proprietà di SDR Ceramiche, ha scelto per...

A Zara per ascoltare l’organo del mare
Architettura

A Zara per ascoltare l’organo del mare

È ormai la principale attrazione del porto di Zara in Croazia: si tratta del Morske Orgulje, cioè l’organo del mare ideato e...

MisuraEmme presenta il nuovo sistema giorno Over
Design

MisuraEmme presenta il nuovo sistema giorno Over

Si chiama Over il nuovo sistema giorno disegnato dallo studio Castiglia Associati e presentato da MisuraEmme come emblema del...