Carnival Vista, il design e l’efficienza Vimar per la nave ammiraglia Carnival Vista, il design e l’efficienza Vimar per la nave ammiraglia
Design

Carnival Vista, il design e l’efficienza Vimar per la nave ammiraglia

Scritto da Redazione |

25 Maggio 2016

Pronti a salpare. Il Gruppo Carnival, leader a livello mondiale nel settore crocieristico, ha ora una nuova nave ammiraglia per la flotta di Carnival Cruise Line, la Carnival Vista, realizzata presso lo stabilimento Fincantieri di Monfalcone con proporzioni davvero grandiose, sotto tutti i punti di vista.

 

Lunga 323 metri e pesante oltre 130 000 tonnellate, la Carnival Vista può ospitare fino a 6.400 persone tra passeggeri, per i quali sono disponibili 1967 cabine, e membri dell’equipaggio, a cui ne sono destinate altre 785. A bordo, si potrà godere dei migliori comfort e soddisfare ogni esigenza di svago e relax, grazie alla presenza di esclusivi servizi, come nel caso del cinema 5D, della pista ciclabile a cielo aperto e del grande parco acquatico.

 

Funzionalità e stile sono le caratteristiche fondamentali su cui si sono concentrati i progettisti, a partire dalla scelta di un impianto elettrico che fosse capace di garantire alti standard prestazionali con un occhio alle qualità estetiche. Necessità che hanno trovato una piena risposta nei dispositivi e nelle placche firmati Vimar.

 

Una proposta, quella di Vimar, nata per adattarsi ai diversi spazi della nave, distinguendo e caratterizzando in maniera specifica ogni locale, grazie alle molteplici soluzioni disponibili. Fondandosi su questi presupposti di eleganza e versatilità, è stato dunque possibile ricorrere alla serie Plana per quanto riguarda le cabine, nella duplice versione silver e bianca, l’una destinata alle cabine passeggeri e l’altra ai locali per l’equipaggio. Nel caso delle aree comuni, invece, si è proceduto ad installare le placche appartenenti alla serie Idea, declinate in versione Classic in metallo tinta cromo.

 

Dall’ampio panorama di prodotti Vimar provengono anche i lettori porta Card collocati in ogni stanza per consentire l’accensione automatica delle luci e la regolazione della temperatura, garantendo al fruitore livelli massimi di efficienza e di raffinatezza.

 

Targhe videocitofoniche Pixel sono infine poste in prossimità delle aree ad ingresso riservato, collegate all’interno tramite ulteriori postazioni videocitofoniche, attraverso le quali il personale di bordo può comunicare in condizioni di totale sicurezza e riservatezza, grazie al sistema di riconoscimento.

 

Tutti gli elementi, e i materiali che li costituiscono, rappresentano una garanzia in termini di duttilità e facilità di manutenzione e pulizia, pregi che si uniscono alla bellezza del design, particolarmente adatto a valorizzare ambienti di charme.

 

Pronti a salpare, dunque, a vele spiegate e in totale comodità, verso nuove destinazioni.

Questo articolo parla di:

Precedente

Intervista esclusiva a Giacomo Moor: il legno, il design, il futuro

Successivo

Accademia del Mobile, un’app per personalizzare la zona living

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...