Cattelan Italia, ecco la collezione 2016, tra design e innovazione Cattelan Italia, ecco la collezione 2016, tra design e innovazione
Design

Cattelan Italia, ecco la collezione 2016, tra design e innovazione

Scritto da Redazione |

01 Giugno 2016

E’ il manifesto delle migliori qualità del design italiano la nuova collezione proposta da Cattelan Italia per il 2016, dove estetica e funzionalità si esprimono in complementi d’arredo pensati sia per la zona giorno che per la zona notte, segnando la realizzazione di tavoli e sedie, prodotti storici dell’azienda, ma esprimendosi anche in altre proposte, letti, librerie, lampade.

 

Un team di designer blasonati si è cimentato nell’ideazione di pezzi dalla personalità unica, ciascuno dei quali rappresenta un riuscito connubio tra allure contemporanea, praticità della struttura e impiego di materiali innovativi, un risultato dovuto all’impegno costante profuso dall’azienda nel campo del design e della ricerca tecnologica.

 

Vero fiore all’occhiello della nuova collezione sono i piani selezionati per la linea dei tavoli, con la decisiva introduzione di nuove finiture: Calacatta e Alabastro, in ceramica, super resistenti, anti graffio, senza perdere leggerezza; Ardesia, un avanguardistico gres porcellanato unito a cristallo trasparente, impermeabile agli urti e al calore; Titanio, di grande impatto per le sue qualità riflettenti.

 

Tra le proposte, spicca il tavolo Gordon, una creazione di Giorgio Cattelan dall’ispirazione geometrica, disponibile nella doppia versione Deep Wood, in massello di noce Canaletto a bordi irregolari, spesso 8 cm, dall’aspetto solido e imponente, e Keramik in varie opzioni tra ceramica e cristallo, leggero e versatile.

 

Porta la firma di Cattelan anche la libreria Hudson, in cui tornano le medesime linee geometrizzanti a modellare i volumi in acciaio posti a sostegno dei ripiani in legno di noce o rovere bruciato, in varie tinte e concepita per fungere eventualmente da parete divisoria.

 

Si chiama poi Indy la seduta dalle forme morbide e dalle linee flessuose, comoda e avvolgente, in versione monocolore o bicolore, fabbricata in poliuretano rigido e con basi fisse o girevoli realizzate in acciaio, legno o alluminio, ciascuna soluzione declinata in una vasta gamma di colorazioni possibili.

 

Spetta invece a Paolo Cattelan la paternità della lampada a LED Lampo, nella variante a piantana e da tavolo, un sottile filo d’acciaio a base circolare che si adatta con eleganza alla zona giorno ma si armonizza perfettamente anche con il design del letto Amadeus, realizzato da Manzoni&Tapinassi partendo da una visione vintage della zona notte, vicina a quella degli anni 70, con la sua imbottitura in pelle e l’appoggio in acciaio verniciato, in abbinata al comodino Dante, fatto di acciaio e legno.

 

Edward e Ciro costituiscono un’ulteriore accoppiata letto e comodino, questa volta dal mood dichiaratamente contemporaneo, tra angoli vivi, forme poligonali per l’imbottitura in pelle o ecopelle e linee pure ed essenziali.

 

Una collezione ricchissima, che aspetta soltanto di essere scoperta, per dare nuova vita agli spazi della casa.

Questo articolo parla di:

Precedente

Embroidery Chair, le sedute “stagionali” di Cappellini

Successivo

Intervista esclusiva a Davide Vercelli: oltre il design, tra tecnologia e sensorialità

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...