Cersaie 2017, Bertolotto sbarca a Milleluci: le parole di Paolo Poverello Cersaie 2017, Bertolotto sbarca a Milleluci: le parole di Paolo Poverello
Design

Cersaie 2017, Bertolotto sbarca a Milleluci: le parole di Paolo Poverello

Scritto da Redazione |

02 Ottobre 2017

Porte blindate e tagliafuoco, porte per interni in stile classico e moderno, porte di design e di altissima qualità. Porte in legno massello o in materiali hi tech, incise o dipinte a mano, sempre di tendenza. Porte interamente create e realizzate in Italia. Questa, in sostanza, la chiave del successo di Bertolotto, azienda 100% Made in Italy fondata nel 1988 e oggi posizionata tra i leader mondiali per la produzione e la commercializzazione nel settore porte. Quest’anno Bertolotto sbarca a Cersaie 2017 e lo fa nel contesto della mostra evento Milleluci – Italian Style Concept: un’occasione in più per dimostrare ai clienti e ai professionisti la flessibilità e il grado di personalizzazione di un prodotto oggi disponibile in diciannove collezioni, ottanta colorazioni, diciannove essenze e migliaia di varianti perfette per ogni esigenza. Un’azienda dinamica e in costante crescita, come emerge chiaramente dalle parole di Paolo Poverello, managing director exports del brand.

Quali novità presentate al Milleluci? 

“Milleluci per noi è un’ottima vetrina, uno spot su Cersaie. Un luogo in cui la porta dovrebbe essere ma non è ancora. Abbiamo portato due location particolari: Grease (rivestita con nostro concept particolare in cui abbiamo inserito un prodotto delle Originali Bertolotto, la famiglia di porte sviluppate con designer di fama internazionali) e Shining, dove invece troviamo un prodotto classico ispirato al film”.

 

Tendenze nel settore porte state individuando per il futuro? 

“Le tendenze per il mondo porta sono legate al diventare parte complessa e completa dell’arredamento. Se vediamo una casa vuota con i muri finiti, l’unico oggetto che manca è la porta. La porta ci chiude nell’io più intimo.

Noi realizziamo tutto in 70mila metri quadri di capannoni, partendo dalla materia prima e arrivando al prodotto finale di qualità. Questo è il nostro concetto d’italianità. L’obiettivo è creare un prodotto la cui ricetta è italiana ma adattata al gusto di ogni singolo Paese”. 

Questo articolo parla di:

Precedente

Ceramiche Keope a Cersaie 2017, intervista al marketing manager Alessandro Loschi

Successivo

Marco Poletti presenta DNA: intervista esclusiva a Cersaie 2017

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...