Così O bag scopre l’home design Così O bag scopre l’home design
Design

Così O bag scopre l’home design

Scritto da Redazione |

08 Settembre 2017

Dal 2009, anno di nascita del progetto, la grande famiglia che fa capo ai marchi O clock e O bag ha fatto parecchia strada. E ora è venuto il momento di allargarsi ancora: il noto marchio italiano di borse, accessori e calzature personalizzabili ha infatti deciso di esplorare i territori del living dando vita ad una nuova collezione dedicata all’home design. 

Si tratta di complementi divertenti, dinamici, rigorosamente Made in Italy, che seguono la persona nei diversi momenti della giornata e che sono naturalmente personalizzabili, cosa che del resto vale per tutti i prodotti O bag. 

I due nuovi progetti di design, nati dalla collaborazione con altrettanti designer, si chiamano O joy, una lampada smart multisensoriale disegnata da Franco Driusso, e O eat, un portavivande componibile e coloratissimo firmato laboratorio.quattro

L’approccio al mondo living è sempre divertito e giocoso e punta al concetto di portabilità e design in motion: sia la lampada che la lunch box infatti sono oggetti che si muovono, seguono la persona in tutte le sue attività quotidiane e si possono modificare e personalizzare. 

O joy, disegnata da Franco Driusso, è l'archetipo della lampada da tavolo rivisitata in un'insolita versione a dondolo grazie alla sfericità della base, mentre ogni parte che compone l'oggetto è disponibile in 6 varianti cromatiche, consentendo a ciascuno di rendere unico il proprio complemento d’arredo; a leggerezza e le dimensioni ridotte (misura H cm 30) la rendono adatta a seguire l’utente in ogni luogo: in salotto come in camera, in terrazza o in giardino per rallegrare le serate estive. 

O joy è inoltre una lampada dinamica, sia perché dondola sia perchè non ha un filo fisso: le batterie vengono ricaricate collegandola alla rete elettrica tramite alimentatore dedicato o direttamente ad una qualsiasi presa USB e, una volta carica, può essere facilmente trasportata ovunque. 

Infine O joy è un prodotto polisensoriale: non a caso, oltre alla funzione di punto luce, è anche un diffusore di fragranze grazie alle cartucce intercambiabili da inserire all’interno del dispositivo che consentono con le loro note olfattive di spaziare in differenti ambiti emozionali; ancora, tramite un modulo acustico Bluetooth opzionale facilmente inseribile nella base a mezzaluna, O joy diventa un efficace diffusore di musica da collegare a qualsiasi smartphone. 

D’altro canto, la lunch box O eat è firmata dello studio di design laboratorio.quattro e si avvale, per la parte di ingegnerizzazione progettuale e produttiva, del knowhow di Guzzini, leader nella produzione di oggetti di design in materiale plastico per la cucina e la casa. 

O eat è un porta vivande portatile personalizzabile: si apre e si scompone in due cubi contenitori asportabili, chiusi da un coperchio ermetico, ed è dotato di maniglia in silicone, che funge anche da chiusura; gusci e maniglia sono intercambiabili e sono disponibili in 6 varianti colore che permettono fino a 36 combinazioni differenti con la possibilità di mixare o alternare fasce diverse. 

Inoltre, O eat non contiene BPA, è interamente made in Italy, lavabile in lavastoviglie, ideale per una pausa all’insegna del benessere in tutte le occasioni, dal lavoro, al viaggio, al tempo libero. 

Perché O bag continui ad accompagnarci ovunque, in molte forme.

Questo articolo parla di:

Precedente

Anche Sean Godsell a Cersaie 2017

Successivo

Milleluci a Cersaie 2017: intervista doppia a Davide Vercelli e Angelo Dall’Aglio

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...