Creare una SPA di successo: la ricetta di Regis Boudon-Doris Creare una SPA di successo: la ricetta di Regis Boudon-Doris
Design

Creare una SPA di successo: la ricetta di Regis Boudon-Doris

Scritto da Redazione |

21 Febbraio 2017

Se il benessere fosse una mappa, lui sarebbe il cartografo più bravo. Se la SPA fosse un laboratorio, lui sarebbe lo scienziato più coraggioso. Se il wellness fosse un pianeta sconosciuto, lui sarebbe l’esploratore più curioso. Come definire in altro modo l’energia creativa, lo spirito innovativo di Regis Boudon-Doris?

 

Fondatore di Be a Business Spa, società di consulenza manageriale nel settore SPA&Wellness, ideatore di Youspa.eu, il motore di ricerca che consente a tutti di trovare la propria SPA ideale su raggio europeo (e, presto, anche mondiale), creatore del progetto SPASTREAM in collaborazione con Aquademy per portare la doccia a effusione al passo con i tempi e anche oltre, importatore in Italia della cultura wellness giapponese grazie al nuovo concept SPA Ofuro: questi sono solo alcuni dei successi di un grande innovatore per il quale il benessere è il business di ogni giorno ma soprattutto la sfida di una vita.

E’ dunque proprio lui, dall’alto della sua esperienza, ad analizzare per noi gli elementi fondamentali per creare centri wellness e SPA di successo, disegnando un modello di impresa in sintonia con le esigenze della contemporaneità.

 

Quando si intraprende la via della creazione di una SPA, le due prime domande da porsi sono: C’è un mercato per una SPA in questa location? Chi sono i potenziali clienti di questa SPA?”.

 

Per rispondere al primo quesito, bisogna innanzitutto fare un analisi del progetto tale da verificare se in quella location, con lo spazio e il budget a disposizione, c’è un mercato che giustifica finanziariamente l’investimento, perché l’'investimento necessario alla realizzazione di una SPA, fondamento del business, deve essere calcolato sulla base di una profonda conoscenza della realtà nella quale il progetto si va a inserire, prevedendo accuratamente le dinamiche di costi e ricavi sulla base di un Concept SPA elaborato ad hoc.” 
Per quanto riguarda i clienti potenziali, sarà necessario domandarsi “quanti sono, che servizi sono interessati a comprare, a che prezzo e con quale frequenza.”

 


“Con queste risposte sarò nelle condizioni ottimali per elaborare il menu dei servizi del progetto SPA, la colonna vertebrale del Concept SPA, definendo cosi quale infrastruttura mi occorre inserire (sauna, piscine, cabine trattamenti, ecc.), con quale dimensionamento/quantità e con quale varietà/specificità e finiture ciascuno dei spazi SPA verrà progettato e realizzato; da ultimo, ma di certo non per importanza, quale sarà la fruizione di questi spazi in termini di sequenza e di quantità.”

 

“Questi dati concreti mi permetteranno di attuare una pre-analisi dei Costi e dei Ricavi tale da avvalorare e validare la scelta del concept SPA.”

 

“Solo allora, fatto quest’elenco della spesa, e avute le risposte a tutti questi quesiti, potrò iniziare la progettazione architettonica della SPA.”

Questo articolo parla di:

Precedente

QC Terme, Saverio Quadrio Curzio racconta a M4D il benessere Made in Italy

Successivo

Jacuzzi, una nuova business unit per il contract

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo
Architettura

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo

Siamo sulla pittoresca isola greca di Creta, distesa sulle acque del Mar Egeo. Qui, lo studio di progettazione Elastic...

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco
Design

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco

Anche il brand Déco, nato nel 2010 e forte di un incremento del proprio fatturato pari al 60% solo nell’ultimo anno, partecipa...

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre
Architettura

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre

Un luogo unico per lavorare, un vasto spazio trasparente e luminoso, aperto verso l’esterno, un intervento rispettoso...