Duka a Cersaie 2016: intervista esclusiva alla responsabile marketing Gloria Riva Duka a Cersaie 2016: intervista esclusiva alla responsabile marketing Gloria Riva
Design

Duka a Cersaie 2016: intervista esclusiva alla responsabile marketing Gloria Riva

Scritto da Giulia Guerra |

05 Ottobre 2016

In casa Duka una doccia non è mai solo una doccia. E’ un’esperienza estetica e sensoriale, un viaggio nel design più puro, nelle tecnologie più sofisticate, tra materiali di prima qualità e finiture di perfezione che non possono passare inosservate. Creare cabine doccia esclusive è per i creativi di Duka l’obiettivo da perseguire ogni giorno, percorrendo la strada dell’innovazione e concentrandovi tutte le energie e le competenze di una squadra davvero imbattibile. Perché lo sguardo è sempre rivolto al futuro, come si vede dall’ultima speciale collezione Natura 4000 presentata a Cersaie 2016, come emerge anche dal progetto del nuovo avanguardistico stabilimento aziendale a Bressanone. Di questo spirito pionieristico e di molto altro abbiamo parlato con la responsabile marketing del brand Gloria Riva. Ecco quello che ci ha detto.

 

 

Duka è un brand che da sempre si distingue per la ricerca di nuove soluzioni nel campo della tecnologia e dell’innovazione estetica, con una speciale attenzione al comparto dell’arredo bagno. In questo senso, quali sono le novità che presentate a Cersaie 2016?

“La novità principale di prodotto che portiamo a Cersaie è la serie Natura 4000, una serie di 6mm completa. Una serie del nostro segmento Quadra, fatta di prodotti intelaiati, con aperture e dimensioni di ogni tipo. Qui presentiamo in anteprima solo 3 modelli dei 6 finali. Sono ancora prototipi, ma la realizzazione dovrebbe essere completa per marzo-aprile 2017. Abbiamo cercato di raggruppare tutte le competenze tecniche di tutti gli altri prodotti ottenendo un risultato che si posizione nella fascia medio-alta della nostra gamma”.

 

Avete recentemente provveduto a un restyling completo nel settore delle comunicazioni, con l’apertura di un nuovo portale web di approfondimento sui prodotti firmati Duka e il rinnovamento del sito internet. Quanto è importante per Duka il rapporto diretto con il cliente? 


“L’azienda ha investito molto ultimamente nella comunicazione del nostro brand. Oggi Duka ha raggiunto una buona conoscenza e una buona reputazione. Il nostro interlocutore, in primis, è il rivenditore. È a lui che ci rivolgiamo, trasmettendo nostri valori facendo capire chi siamo, cosa facciamo e perché lo facciamo in questo modo. Il rivenditore viene raggiunto tramite il lavoro della forza vendita con visite in azienda. Non vogliamo vendere al consumatore finale, ma ci piace raggiungerlo e convogliarlo verso il rivenditore. Vogliamo parlare con il privato, l’installatore, l’architetto e il consumatore”.

 

 

Particolare interesse ha suscitato la vostra iniziativa “Cersaie disegna la tua casa”, con la quale mettete a disposizione le vostre migliori professionalità. Che cosa può dirci di questo progetto? 


“Ci crediamo molto. Un privato che viene in fiera si merita un’attenzione particolare. Se ha la possibilità di venire allo stand, vedere i prodotti e scegliere quello migliore per lui, dobbiamo affiancarlo in tutto per tutto. È una bella esperienza per le aziende, che capiscono così le esigenze e l’approccio del privato”.

 

Quali sono le tendenze più forti che dobbiamo aspettarci per quanto riguarda il settore dell’arredo bagno? Come Duka pensa di interpretarle? 


“Vedo l’estetica sempre più importante, meno da show e più finalizzata a un design di funzione. In passato si vedevano cose molto belle che poi non finivano sul mercato. Oggi c’è un maggiore rigore nelle scelte di prodotto. Perché lo faccio? Per chi? Come può essere utilizzato?”.

 

Quali sono i punti di forza che rendono unici i prodotti a marchio Duka? 


“Li riassumerei nei tre concetti di estetica, funzione e armonia. Il prodotto deve essere bello perché l’estetica è importante. Funzionale tramite un’estetica applicata alla funzione e l’armonia che deriva da queste due anime”.

 

Quali sono i prossimi obiettivi di Duka sul piano nazionale e internazionale? 


“Il futuro per noi sarà una grande sfida. Il nuovo stabilimento è un grosso investimento e sicuramente coinciderà con un’espansione in altri mercati. Ad oggi abbiamo una forte quota export, ma stiamo pensando di allargare i nostri orizzonti. Sul prodotto, invece, ci piacerebbe migliorare prestazioni tecniche offrendo anche qualche finitura in più da aggiungere”.

Questo articolo parla di:

Precedente

HOM a Cer-Sail, intervista esclusiva a Mario Ravaglia e Davide Vercelli

Successivo

Selva Vetri, a ciascuno la sua veranda (classica o design)

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo
Architettura

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo

Siamo sulla pittoresca isola greca di Creta, distesa sulle acque del Mar Egeo. Qui, lo studio di progettazione Elastic...

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco
Design

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco

Anche il brand Déco, nato nel 2010 e forte di un incremento del proprio fatturato pari al 60% solo nell’ultimo anno, partecipa...

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre
Architettura

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre

Un luogo unico per lavorare, un vasto spazio trasparente e luminoso, aperto verso l’esterno, un intervento rispettoso...