FAP Ceramiche a Cersaie 2017, intervista al responsabile marketing Norberto Marzani FAP Ceramiche a Cersaie 2017, intervista al responsabile marketing Norberto Marzani
Design

FAP Ceramiche a Cersaie 2017, intervista al responsabile marketing Norberto Marzani

Scritto da Redazione |

05 Ottobre 2017

Elegance in an italian attitude: impossibile fraintendere il significato di una frase breve ma in grado di rappresentare al meglio tutto l’universo di valori racchiuso nei rivestimenti firmati da FAP Ceramiche, azienda nata nel celebre distretto ceramico emiliano di Sassuolo per trasformarsi negli anni in una bandiera del Made in Italy nel mondo, grazie al costante lavoro di ricerca estetica, innovazione tecnologica e limitazione dell’impatto ambientale. Le pareti e i pavimenti di FAP Ceramiche raccontano dunque una storia di design, bellezza e attenzione al cliente, la stessa di cui abbiamo parlato con Norberto Marzani, responsabile marketing del brand incontrato da noi a Cersaie 2017.

 

Quali sono le novità su cui punta FAP Ceramiche a Cersaie 2017? 

“Le novità sono tante perché presentiamo una decina di nuove collezioni con due ambiti principali: uno è quello riproduttivo del marmo e della pietra con la collezione Roma Diamond

e la collezione Nord, dove si evince l’eccellenza nella capacità di produrre altri materiali;

l’altro rappresenta invece un aspetto dell’interpretazione del colore della ceramica con la collezione Color Now.”

 

Cosa significa per voi interpretare i valori del Made in Italy? 

“Come sentiamo di interpretarlo lo vede anche dalla nostra headline, che è Elegance is an italian attitude, quello che abbiamo scritto quest’anno. Noi il Made in Italy lo interpretiamo in questo modo, con prodotti che da un lato sono realizzati e prodotti interamente in Italia, dall’altro hanno stile e design ispirati all’eleganza italiana.”

 

Siete molto attenti alla sostenibilità della vostra produzione. Come declinate concretamente questa consapevolezza della responsabilità ambientale? 

“Noi siamo impegnati da sempre su questo punto. Pensi che fin dalla fondazione del gruppo l’aspetto ambientale è sempre stato uno dei capisaldi, quando ancora non era un tema così sensibile. Anche perché il nostro fondatore era un professore universitario di medicina, quindi quest’impostazione ha radici antichissime. La nostra è un’attenzione forte alla sensibilità e all’ecologia, tant’è che tutte le certificazioni sull’impatto ambientale le abbiamo sempre ottenute senza difficoltà. Ricicliamo anche tutta l’acqua dei processi di produzione, abbiamo rifatto tutti i tetti dei nostri capannoni bonificandoli dall’eternit. Le cave da cui prendiamo le materie prime sono cave certificate, che rispettano gli strettissimi requisiti ambientali. Insomma, la nostra è un’attenzione fortissima a questo aspetto.”

 

Quali progetti avete per il futuro? 

“L’obiettivo è quello di portare in tutto il mondo il design della serie italiana. Dal ’99, cioè da quando questo marchio esiste, ci siamo sempre ispirati a questo obiettivo. Vogliamo continuare a portare l’Italia nel mondo. Fa parte degli aspetti fondamentali dell’interior design.”

Questo articolo parla di:

Precedente

Treemme Rubinetterie a Cersaie 2017, intervista esclusiva a Riccardo Michelangioli

Successivo

Cersaie 2017, tutti i numeri del successo

Bross presenta la nuova Mysa
Design

Bross presenta la nuova Mysa

La soluzione ideale per ambienti confortevoli, tanto nei contesti residenziali quanto nel settore contract: è questa la...

HOM presenta i nuovi termo arredi KLAY
Design

HOM presenta i nuovi termo arredi KLAY

Nata nel 2013 dalla collaborazione tra Davide Vercelli e l’azienda Rotfil, la linea di termo-arredi HOM si arricchisce...

Un resort modellato sulla natura: il progetto di Graft Architects
Architettura

Un resort modellato sulla natura: il progetto di Graft Architects

Lo studio di architettura Graft Architects ha progettato a Bostalsee, in Germania, il nuovo Seezeitlodge Hotel & Spa, una...