FIMA a Cersaie 2016: intervista esclusiva al responsabile Marketing Mattia Fiorindo FIMA a Cersaie 2016: intervista esclusiva al responsabile Marketing Mattia Fiorindo
Design

FIMA a Cersaie 2016: intervista esclusiva al responsabile Marketing Mattia Fiorindo

Scritto da Redazione |

29 Settembre 2016

Green, design, technology. Tradotto: attenzione per l’ambiente, estro creativo, sviluppo tecnologico. Tre valori che per Fima-Carlo Frattini, azienda famigliare leader nel settore rubinetteria, significano esaltazione dell’artigianalità e della poliedricità Made in Italy come punto di partenza per affermarsi sul mercato internazionale. Tanto più decisiva diventa allora la vetrina bolognese di Cersaie, l’occasione ideale per presentare al pubblico i nuovi prodotti Fima e gli ampliamenti delle proposte in catalogo già consolidate, puntando su un’offerta che si arricchisce e si evolve costantemente, grazie anche al contributo dei migliori designer in circolazione. Una storia di progresso e coraggio quella di Fima, che a noi è stata raccontata dal responsabile Marketing e Comunicazione Mattia Fiorindo.

 

 

Cosa porta FIMA a Cersaie 2016?

“Qui a Cersaie arriviamo con i nostri prodotti del 2016, che sono già stati presentati in parte al Salone del Mobile, dove eravamo presenti con il nostro stand, e che qui riproponiamo in una nuova veste finita. Questa è una grande occasione per mostrare ambienti come quelli che potrebbe avere chiunque a casa propria. Siamo qui a presentare NU, prodotto disegnato da Davide Vercelli, che integra questa nuova concezione di soffione che permette tramite un risparmio d’acqua di ottenere la stessa ergonomia e la stessa sensazione di un soffione di più ampia diffusione. Nasce da uno studio di quali parti si bagnano durante una doccia e dell’acqua sprecata. Un altro prodotto interessante sicuramente è Texture, lanciato nel 2015, che sta avendo molto successo nel mercato. Nasce come un miscelatore tre fori che si sfaccetta con diverse canne e diverse maniglie e manopole con tre finiture diverse ottenute con utensili a diamante che permettono di ottenere un prodotto finito cromato, bianco, nero o in dorato. Le possibilità di personalizzazione sono molto vaste”.

 

Innovazione e design. È questo che vi distingue nel mercato?

“Negli ultimi anni la filosofia aziendale, che abbiamo definito green, design & technology, sta avendo molto successo nel mercato. Noi stiamo puntando forte su questi aspetti: il rispetto per l’ambiente, la collaborazione con diversi designer e una costante ricerca tecnologica finalizzata alla qualità”.

 

Obiettivi per il futuro?

“L’azienda nel 2016 sta crescendo. A tirare la crescita sono i mercati esteri, in maniera non bilanciata. Oggi c’è una leggera contrazione nei mercati mediorientali e una ripresa di quelli asiatici. Il mercato estero nutre bene la nostra azienda, ma anche in Italia abbiamo registrato una crescita negli ultimi due anni”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Villeroy & Boch a Cersaie 2016: intervista esclusiva ad Antonio Tunesi, responsabile distribuzione in Italia

Successivo

Cersaie 2016, l’esposizione di Vasco a Santa Maria della Neve

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...