GIO di Antonio Citterio, è il momento di vivere l’outdoor GIO di Antonio Citterio, è il momento di vivere l’outdoor
Design

GIO di Antonio Citterio, è il momento di vivere l’outdoor

Scritto da Redazione |

19 Maggio 2016

Se volessimo citare la musica pop, potremmo metterla così: nessun grado di separazione. Sì, perché anche l’architettura sembra sempre più affascinata dalla continuità, dall’assenza di confini, dal concetto di fluidità dello spazio. E allora diventano di moda le case dove i progettisti scelgono consapevolmente di eliminare le divisioni, per esempio quelle tra esterno ed interno, trasformando l’outdoor in un prolungamento dell’indoor.

 

Non a caso, appartiene a questa tendenza l’ultimo lavoro di Antonio Citterio per B&B Italia, azienda che da 50 anni si pone in una posizione di leadership a livello internazionale nella produzione di arredi design, sia per il settore privato che per il settore contract. Si chiama GIO, ed è una collezione pensata per godere al meglio della vita all’aria aperta, conservando tutti i comfort tipici degli ambienti chiusi.

 

La serie completa prevede un’amplissima gamma di elementi capaci di adattarsi ad ogni declinazione dell’outdoor: divani, chaise longue, poltrone, sedie, lettini, tavoli e altri numerosi complementi, accomunati dalla perfetta integrabilità degli uni rispetto agli altri, in modo tale da consentire varie soluzioni di assemblaggio, in base alle esigenze della casa e dei fruitori.

 

Ogni pezzo fonda la propria resistenza su una solida struttura in massello di teak ed è proposto nella finitura antique grey, caratterizzandosi dunque per l’estetica anticata, arricchita da sfumature d’argento, il che conferisce alla linea un aspetto classico ma dotato al tempo stesso di una forte vocazione contemporanea.

 

Per quanto riguarda gli imbottiti, inoltre, un sofisticato sistema a doghe in legno su cui s’innestano telai, schienale e braccioli, con l’aggiunta di nastri intrecciati color tortora, rende ogni modulo facilmente scomponibile e stoccabile, venendo incontro alle necessità della stagione invernale.

 

Sempre in ottica di uso esterno, tutti i rivestimenti, compresi quelli dei cuscini, sono costituiti da fodere in poliestere a trattamento waterproof, per affrontare agevolmente eventuali intemperie; al medesimo scopo puntano anche i tessuti, testati per resistere all’irraggiamento solare, alla salsedine e alle aggressioni dell’acqua clorata.

 

Non resta che prepararsi alle lunghe cene d’estate. Naturalmente, l’unico tetto sarà un romantico cielo stellato.

Questo articolo parla di:

Precedente

A Bologna un convegno per celebrare la casa mediterranea

Successivo

Rami, una collezione dal design fiabesco

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...