HOM a Cer-Sail, intervista esclusiva a Mario Ravaglia e Davide Vercelli HOM a Cer-Sail, intervista esclusiva a Mario Ravaglia e Davide Vercelli
Design

HOM a Cer-Sail, intervista esclusiva a Mario Ravaglia e Davide Vercelli

Scritto da Giulia Guerra |

05 Ottobre 2016

Rivoluzione. La prima parola che viene in mente entrando in contatto con l’ultimo progetto del product designer Davide Vercelli, qui in tandem con l’imprenditore Mario Ravaglia, evoca l’estremo limite del cambiamento, la potenza del totale rinnovamento. Perché HOM non è la solita collezione di arredi per la casa, più o meno belli, più o meno utili: HOM è una storia di ricerca e tecnologia che si combinano ad un valore estetico mai visto prima, puntando a livelli di innovazione sorprendenti. Un catalogo composto da sette pezzi d’arredo (sedute, porta salviette, mensole…) che sono al tempo stesso elettrodomestici atti al riscaldamento, cui si aggiunge un radiatore elettrico compatto, tutti nati dall’inedita applicazione di una nuova tecnologia brevettata. La vocazione è duplice: ambiente privato e/o zona contract. Unico è invece il design sofisticato di ciascuno di questi prodotti, accomunati anche dalle prestazioni a basso consumo energetico. Ne abbiamo parlato a Cersaie 2016 proprio con Ravaglia e Vercelli, che ci hanno spiegato perché grazie a HOM i nostri spazi non saranno più gli stessi.

 

 

HOM è una delle grandi novità che potrebbero rivoluzionare il futuro dell’arredo. In che cosa consiste esattamente la peculiarità di questa collezione per molti versi straordinaria?

“I prodotti che proponiamo hanno tecnologia brevettata, di cui noi sfruttiamo l’inerzia termica
per riscaldare materiali che fino ad ora non era possibile riscaldare con radiatori tradizionali. Un esempio è il legno massello, che con il calore rischia di rompersi o colorarsi. Questo ci ha permesso di aprirci a un’ampia gamma di prodotti. Siamo innovativi per questo: presentiamo prodotti visti come arredamento ma che siano soprattutto funzionali”.

 

Perché avete scelto di presentare la proposta HOM proprio a Cersaie 2016? 


“Cersaie è una vetrina internazionale. Con il Salone del Mobile è uno degli appuntamenti più importanti in Europa e nel mondo. È un’ottima vetrina per nostro prodotto anche Cer-Sail, che ci offre la possibilità di presentare ai visitatori il prodotto finito”.

 

Quali sono i prodotti di punta della collezione? 


“Per chi produce è difficile scegliere un prodotto di punta. Anche perché offriamo una gamma molto varia di prodotti: dalla fascia di prezzo bassa a quella alta, passando per oggetti piccoli con una buona fruibilità pratica arrivando a prodotti più grandi. Il cliente ha anche la possibilità di scegliere il materiale che gli piace di più e che meglio si abbina con il resto dell’ambiente”.

 

Qual è il cliente ideale a cui vi rivolgete? 


Ravaglia: “Grazie all’ampia gamma ci rivolgiamo un po’ a tutta la fascia di utenza”.

Vercelli: “Quello che abbiamo fatto finora è qualcosa di nuovo per il mercato. Abbiamo deciso di prendere le distanze da chi faceva già questo, creando dei prodotti a bassa potenza ma con una prestazione significativa figlia di un’innovazione tecnologica. Per noi era importante capire a quali target rivolgerci”.

 

Quanto è importante coniugare l’estetica design con l’innovazione tecnologica? 


Ravaglia: “I prodotti devono essere il risultato di un’integrazione equilibrata tra tecnologia e design. La tecnologia ti permette di immaginare oggetti. Una volta che si entra nella tecnologia e se ne capiscono le possibilità, cominci a pensare a riscaldare forme e materiali che prima era impossibile immaginare di riscaldare a quei costi”.

Vercelli: “Gli ingredienti principali sono tre: uno studio approfondito su dinamiche umane di comportamento, la presa in considerazione di un aspetto economico e avere in mano la tecnologia che altri non hanno. Con queste tre prerogative lo sviluppo dei prodotti è una naturale conseguenza”.

 

Qual è il vostro prossimo obiettivo? 


“Sicuramente l’evoluzione del prodotto e il consolidamento sul mercato”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Coco-Mat firma gli arredi del Relais Borgo Campello

Successivo

Duka a Cersaie 2016: intervista esclusiva alla responsabile marketing Gloria Riva

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo
Architettura

Elastic Architects, un progetto ispirato al Mar Egeo

Siamo sulla pittoresca isola greca di Creta, distesa sulle acque del Mar Egeo. Qui, lo studio di progettazione Elastic...

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco
Design

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco

Anche il brand Déco, nato nel 2010 e forte di un incremento del proprio fatturato pari al 60% solo nell’ultimo anno, partecipa...

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre
Architettura

Prysmian Group, a Milano gli uffici tra le serre

Un luogo unico per lavorare, un vasto spazio trasparente e luminoso, aperto verso l’esterno, un intervento rispettoso...