HOM a Maison&Object HOM a Maison&Object
Design

HOM a Maison&Object

Scritto da Redazione |

18 Gennaio 2017

Si terrà tra il 20 e il 24 gennaio 2017 a Parigi la prestigiosa fiera Maison&Object, dedicata alle ultime novità nel settore dell’interior design, e vedrà come protagonista l’innovazione targata HOM, cioè la collezione di complementi d’arredo termici di nuova generazione progettata da Davide Vercelli in collaborazione con Rotfil, azienda leader europeo nella produzione di resistenze elettriche.

 

Si tratta di arredi realizzati con materiali antichi come la ceramica o naturali e resistenti come il legno di cedro del Libano, capaci di nascondere in sé un'anima tecnologica a basso consumo energetico, grazie alla quale diventano oggetti scaldanti per indumenti, salviette, cibi o avvolgenti sedute.

 


All’origine sono stati pensati per il bagno o la cucina di casa, ma la loro eleganza discreta si sposa bene anche al settore Contract.

 

Racconta Davide Vercelli:

“Osservando gli attuali scalda-salviette mi sono reso conto che in realtà erano oggetti nati per scaldare l'ambiente, perciò mi sono dedicato allo studio di una nuova tipologia di prodotti pensati non tanto per scaldare l'ambiente quanto per essere un vero e proprio supporto asciugante.”

 

L’anima tecnologica degli oggetti termici HOM, è una piastrella sinterizzata che ingloba al suo interno una speciale resistenza elettrica: tale “piastrella” ha la proprietà di mantenere il calore a lungo e di cederlo lentamente.

 

Questa tecnologia brevettata (proprietà Rotfil) rappresenta il sistema più avanzato nel campo del riscaldamento elettrico a basso consumo (1 ora di accensione consuma 0,1 kw/h che corrisponde a circa 0,02 €)  ed è nato da tre anni di ricerche svolte dal designer e dall’azienda in collaborazione con il Politecnico di Torino.

 

Così Mario Ravaglia, fondatore di HOM:

“Pensando al risparmio energetico, grazie al know how di Rotfil,  abbiamo realizzato degli elementi che trasferiscano il massimo calore, nel più breve tempo possibile, agli oggetti in contatto con gli elementi stessi. Il loro cuore scaldante ha una notevole inerzia termica. Vuol dire che, se accendiamo uno degli oggetti per pochi minuti, questo conserverà e trasferirà il calore che ha accumulato, per alcune decine di minuti dopo lo spegnimento (dipende anche dalle condizioni ambientali). Dal punto di vista dei consumi è come se accendessimo per pochi minuti una tradizionale lampadina a bulbo da 100 watt. La lampadina si scalda subito e, appena spenta, si raffredda altrettanto rapidamente, mentre i prodotti HOM anche se vengono spenti riescono a sfruttare per molto tempo tutta la potenza installata in calore.”

 

Tra gli ultimi modelli presentati in catalogo si annovera lo scalda salviette H-TUB, dalla linea essenziale, in cui la protagonista è la piastrella sinterizzata smaltata; tre le versioni disponibili, caratterizzate ognuna da un traforo/decoro H-TUB 101, H-TUB 102, H-TUB 103, in grado di adattarsi anche a spazi di dimensioni ridotte.

 

Per una casa in cui la tecnologia si fa garanzia di assoluto comfort.

Questo articolo parla di:

Precedente

KE Protezioni Solari, arriva la nuova QUBICA

Successivo

Creative Mediterranean, quando il design si fa motore di sviluppo

Roma Diamond, l’ispirazione del marmo per FAP Ceramiche
Design

Roma Diamond, l’ispirazione del marmo per FAP Ceramiche

“Ho trovato una città di mattoni, ve la restituisco di marmo”.  Si narra che l’imperatore Augusto, sul letto di...

Il nuovo Campus Internazionale di Humanitas University a Milano
Architettura

Il nuovo Campus Internazionale di Humanitas University a Milano

In occasione delle celebrazioni per l’apertura del nuovo anno accademico 2017/2018, lo scorso 14 novembre, è stato...

Alma Design presenta Pepper
Design

Alma Design presenta Pepper

Divertente, informale, multifunzione. Tre aggettivi che ben descrivono Pepper, l’ultima novità di Alma Design disegnata...