HypoVereinsbank, a Monaco HI-MACS è protagonista del restyling HypoVereinsbank, a Monaco HI-MACS è protagonista del restyling
Design

HypoVereinsbank, a Monaco HI-MACS è protagonista del restyling

Scritto da Redazione |

05 Maggio 2017

Per chi non avesse ancora avuto modo di testare la qualità e la versatilità del solid surface HI-MACS, ecco una nuova dimostrazione: si tratta della maestosa HypoVereinsbank di Monaco, situata nella HVB-Tower, recentemente ristrutturata scegliendo come protagonista proprio la nuova pietra acrilica. 

La struttura poligonale progettata dallo studio HENN di Monaco, infatti, funge da parapetto e accesso ai tre piani dell’edificio, somigliando ad una sorta di cristallo e circoscrivendo al contempo la spettacolare area dell’atrio: il risultato è una nuova dimensione priva alla vista dei segni di giunzione, come si trattasse di un unico blocco. 

Per soddisfare il requisito dell’assenza di saldature, i costruttori della 5D Engineering und Arnold AG sono riusciti a realizzare una sottostruttura primaria suddivisa in due parti, destinata ad assorbire i movimenti della pannellatura: questa sottostruttura primaria trasferisce alla struttura vera e propria tutti i carichi, mentre una sottostruttura secondaria mobile, fissata sulla prima, segue all’interno il piano realizzato in HI-MACS®.

Ciò permette di assorbire i leggeri movimenti dovuti alla dilatazione termica della pietra acrilica, e inoltre le giunture della pannellatura, che rimangono indispensabili, sono state inserite in angoli ottici che le ha rese praticamente invisibili. 

Tale superficie prevede un assemblaggio atipico, reso possibile anche dall’ausilio del trasformatore HI-MACS Rosskopf+Partner, che lo ha reso invisibile nella struttura cristallina la quale, nonostante le sue 36 tonnellate, appare praticamente senza peso. 

Quasi 850 metri quadri di HI-MACS, suddivisi in 500 componenti singoli di diverse dimensioni, sono stati assemblati con matematica precisione sul posto, avvitati, incollati e levigati, il tutto su una struttura a tre piani. 

La pietra acrilica, oltre a garantire un effetto estetico altamente sofisticato grazie alla purezza e alla fluidità delle linee, è la soluzione ideale per uffici e aree di intensa attività: altamente igienica, resistentissima, è molto facile da pulire e soddisfa le norme anti-incendio.

Questo articolo parla di:

Precedente

Marni Playland, un parco giochi design per aiutare donne e bambini

Successivo

HOAA di Milano, la creatività cinese sceglie Morelato

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova
Architettura

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova

Si chiama Gioia22 il progetto per il nuovo grattacielo direzionale che sorgerà nel quartiere milanese di Porta Nuova, andando...

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)
Design

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)

Usanza americana utile a tastare il polso della propensione all’acquisto in vista dell’imminente shopping natalizio (il...

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra
Design

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra

Se la qualità dei prodotti Ethimo avesse mai avuto bisogno di un’ulteriore conferma, eccola: il German Design Award...