I prodotti MINA protagonisti dell’Himalayan Birch House I prodotti MINA protagonisti dell’Himalayan Birch House
Design

I prodotti MINA protagonisti dell’Himalayan Birch House

Scritto da Redazione |

13 Giugno 2018

Ha il nome evocativo di Himalayan Birch House la residenza privata recentemente progettata in Svizzera dall’architetto Stéphane Herrgott, ispirandosi ai dettami dell’architettura giapponese contemporanea.

L’idea centrale era quella di giocare sull’interazione tra luce ed ombra e il progetto è incentrato sui 60 alberi di betulle Himalayani posizionati sulla terrazza e in giardino: gli elementi strutturali attirano così l’attenzione sugli alberi e sulle loro ombre, le finestre incorniciano gli alberi come dei quadri in una galleria d’arte. 

Dunque la trasparenza e la traslucenza dei materiali fanno penetrare la luce attraverso la rete producendo l’effetto moiré così come attraverso le tende in tessuto bianco, le quali producono l’effetto ombra shoji; la natura è poi protagonista anche degli interni, con la luce che sfiora delicatamente le forme passando attraverso gli spazi dominati dal colore bianco e integra tutti gli elementi in legno. 

In questo contesto così speciale, i rubinetti Mina in acciaio inossidabile sono stati scelti per sottolineare la semplicità della forma: in particolare, i miscelatori a parete della serie Stiriana sono stati installati nel bagno principale e nel bagno degli ospiti e prodotti della stessa serie sono stati utilizzati anche nelle docce.

Per la cucina è stata scelta la nuova proposta Three con doccetta esterna estraibile, mentre infine una canna da terra Giotto si combina perfettamente con la vasca freestanding esaltandone le sinuose forme, per poi trovare posto anche negli spazi esterni con la versione lavabo da terra. 

Dettagli preziosi per una casa dall’alto valore progettuale.

Questo articolo parla di:

Precedente

Ragno presenta la nuova collezione Patina

Successivo

Virgo, la collezione di Mauro Lipparini per MisuraEmme

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C
Design

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C

È il momento degli specchi. Adele-C, azienda nata nel 2009 da un’idea imprenditoriale di Adele Cassina, arricchisce la...

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving
Design

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving

Cambiano il mondo e la società, e con essi le case che abitiamo. Non è esagerato dire che proprio in questi anni si sta aprendo una...

Chairs & More debutta a Orgatec 2018
Design

Chairs & More debutta a Orgatec 2018

È tempo di esplorare nuove possibilità per Chairs & More: quest’anno, forte della propria esperienza sul fronte...