Il ritorno dell’Elmetto Il ritorno dell’Elmetto
Design

Il ritorno dell’Elmetto

Scritto da Redazione |

10 Novembre 2016

Un classico non finisce mai di dire quel che ha da dire, ricordava Italo Calvino. Ma se lui parlava di libri, Martinelli Luce parla di design, e in particolare di Elmetto, la lampada disegnata nel 1976 da Elio Martinelli prendendo ironicamente in giro il copricapo tipico dei soldati.

 

 

Oggi Elmetto torna in produzione nell’ambito di un progetto di riedizione di alcune delle più importanti icone di stile firmate dall’azienda, dopo una prima presentazione nel corso della passata design week milanese (in edizione speciale rossa, per festeggiare i 40 anni dalla nascita).

 

Rose Quartz e Serenity, rosa e celeste, sono le tonalità che segnano il ritorno in scena di questa graziosa lampada da notte, perfetta nelle camerette dei più piccoli, omaggiando così le due tinte Pantone dell’anno, protagoniste anche nella collezione 2017.

 

Con il suo grazioso e comodo interruttore posto nella sezione centrale della base e il riflettore facilmente orientabile, Elmetto si conferma un piccolo gioiello di bellezza e funzionalità, inscalfibile emblema della più giocosa contemporaneità.

Questo articolo parla di:

Precedente

Upcycling, la nuova vita del marmo

Successivo

A Cagliari l’alta tecnologia dei sistemi Vimar

Cersaie 2018, Harmony e Luca Nichetto presentano Solaire Tiles
Design

Cersaie 2018, Harmony e Luca Nichetto presentano Solaire Tiles

Quest’anno al Cersaie di Bologna il marchio di arredo di lusso Harmony incontra il design ricercato di Luca Nichetto per dare...

Eastwind Hotel & Bar, un rifugio di lusso lontano dalla città
Architettura

Eastwind Hotel & Bar, un rifugio di lusso lontano dalla città

Una vacanza alternativa per sfuggire al caos metropolitano? Il nuovo Eastwind Hotel & Bar, inaugurato all’inizio...

A CASTIGLIONI, una grande mostra celebra il maestro del design italiano
Design

A CASTIGLIONI, una grande mostra celebra il maestro del design italiano

“Se non sei curioso, lascia perdere.” Questa celebre frase descrive perfettamente lo spirito di Achille Castiglioni...