Impatia, se il design è un gioco da ragazzi Impatia, se il design è un gioco da ragazzi
Design

Impatia, se il design è un gioco da ragazzi

Scritto da Giulia Guerra |

04 Ottobre 2016

Ci sono alcuni per cui il design è letteralmente un gioco da ragazzi. Per esempio, i fondatori di Impatia, giovane e dinamica azienda attiva da soli tre anni nel distretto produttivo di Busto Arsizio (Varese) e già lanciata alla conquista del mondo.

 

Abbiamo conosciuto Impatia a Cersaie 2016, nell’ambito della mostra evento Cer-Sail Italian Style Concept: un realtà imprenditoriale specializzata nella realizzazione di tavoli da gioco in versione luxury, capace di combinare nei suoi prodotti design, arte e artigianalità, promuovendo all’estero i valori più rappresentativi della creatività Made in Italy.

 

Racconta Sara Besnati, International Sales Marketing Manager di Impatia:

“Le nostre tre parole chiave sono design, lusso e Italia. I prodotti firmati Impatia sono progettati da designer italiani; soltanto in seguito si procede all’ingegnerizzazione e allo studio dei prototipi. Materie prime italiane e fornitori a chilometro zero completano un quadro produttivo estremamente flessibile: ogni prodotto in catalogo viene adeguato alle richieste del cliente, che può scegliere le finiture, la texture, i colori.”

 

C’è Filotto, il tavolo da biliardo; c’è Lungolinea, il tavolo da ping pong; c’è Unootto, il tavolo da poker ultimo arrivato nel catalogo dell’azienda, simile agli altri nell’eleganza formale e nella qualità dei materiali: cristallo, pelle, dettagli in acciaio, sono solo alcune delle possibili declinazioni di questi protagonisti dello spazio domestico, tutti personalizzabili, per rendere ancora più esclusiva l’esperienza del gioco.

 

Continua Besnati:

“Dobbiamo ammettere che il nostro mercato è prevalentemente estero, perché lì il Made in Italy viene decisamente più apprezzato. Chiaramente, le nostre proposte hanno un target di pubblico molto elevato: la nostra filosofia è H2H, Human To Human, un rapporto diretto e individuale con il cliente, per accontentarlo in tutte le sue esigenze, anche le più originali”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Julia Marmi a Cersaie 2016: intervista esclusiva a Francesca Laurino

Successivo

L’Opificio, tessuti sartoriali tra design e fashion

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C
Design

Riflessioni, cinque specchi visionari per Adele-C

È il momento degli specchi. Adele-C, azienda nata nel 2009 da un’idea imprenditoriale di Adele Cassina, arricchisce la...

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving
Design

MORE+SPACE, Milano Contract District scommette sul microliving

Cambiano il mondo e la società, e con essi le case che abitiamo. Non è esagerato dire che proprio in questi anni si sta aprendo una...

Chairs & More debutta a Orgatec 2018
Design

Chairs & More debutta a Orgatec 2018

È tempo di esplorare nuove possibilità per Chairs & More: quest’anno, forte della propria esperienza sul fronte...