Marmomacc, a Verona tutto il mondo del marmo Marmomacc, a Verona tutto il mondo del marmo
Design

Marmomacc, a Verona tutto il mondo del marmo

Scritto da Redazione |

24 Agosto 2016

Autunno caldo per il mondo delle costruzioni. Dal 28 settembre al 1 ottobre 2016 Verona diventa anche quest’anno un eccezionale polo d’attrazione per esperti e professionisti del settore grazie a Marmomacc, appuntamento fieristico internazionale rivolto a coloro che lavorano nella filiera della pietra naturale, il cui giro d’affari globale si aggira intorno ai 23 miliardi di euro e vede l’Italia in pole position con i suoi 3,2 miliardi di esportazioni solo nel 2015.

 

Il salone, punto di riferimento per progetti e innovazione nel campo del marmo e dei graniti, a partire dalle nuove tecnologie di lavorazione e dagli esperimenti design, giunto alla sua 51sima edizione, si svolgerà come sempre negli spazi di Veronafiere, su un’area espositiva che occupa ben 78 mila metri quadrati di superficie, duemila in più rispetto alle edizioni precedenti, il che ha consentito di ampliare ulteriormente il già ricco carnet di aziende partecipanti.

 

Un format vincente quello di Marmomacc, che nel tempo ha saputo unire la vocazione design all’importanza della formazione in una formula b2b che si apre alla dimensione mondiale, per un network del marmo davvero senza frontiere, come dimostrano i numerosi eventi collaterali organizzati negli Stati Uniti, in Brasile, in Egitto e in Marocco.

 

Proprio in un’ottica d’internazionalità accentuata si confermano anche nel 2016 le collaborazioni con ICE – Italian Trade Agency e con Confindustria Marmomacchine per rilanciare e promuovere con energia la qualità Made in Italy: così “The Italian Stone Theatre” è un’iniziativa capace di raccogliere tre mostre dedicate all’interazione tra pietra e tecnologia, ciascuna ideata da un grande progettista e affiancata da convegni sul tema e visite alle aziende locali da parte delle delegazioni commerciali più attese.

 

Tocca alla seconda edizione dell’International Stone Summit il compito di riflette su valore e potenzialità della pietra naturale con l’aiuto delle più importanti associazioni internazionali del marmo, mentre “Global Trends in Design and Sustainability” sarà l’evento che metterà al centro il futuro della progettazione in pietra,  con il contributo del magazine americano Architectural Record.

 

Infine, questa edizione della fiera si distingue anche per il coinvolgimento di Archmarathon, che riunisce 42 studi d’architettura e che vedrà l’assegnazione del nuovo premio “Stone Award”; alla migliore tra le opere di “The Italian Stone Theatre” andrà invece l’“Icon Award” e l’onore di essere protagonista della campagna Marmomacc 2017.

 

Se poi il 10° Best Communicator Award sarà riconosciuto al miglior allestimento espositivo, le aziende potranno “arredare” le strade cittadine con prodotti e installazioni in pietra nell’ambito di Marmomacc & the City: insomma, un giro a Verona quest’autunno è d’obbligo.

Questo articolo parla di:

Precedente

Accademia del Mobile, per sempre in vacanza con le nuove cere naturali

Successivo

Amsterdam, il design in mostra per cambiare il mondo

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...