Marqué, la linea d’arredo metallica di Alessandro Zambelli Marqué, la linea d’arredo metallica di Alessandro Zambelli
Design

Marqué, la linea d’arredo metallica di Alessandro Zambelli

Scritto da Redazione |

26 Luglio 2016

Si chiama Marqué ed è la serie di complementi d’arredo in metallo intarsiato progettata dal designer mantovano Alessandro Zambelli per la galleria londinese Matter Of Stuff (MOS). Un omaggio conclamato alla Parigi degli Anni ’20 e all’innovazione dell’Art Déco. Un mix perfetto tra gli interni raffinati delle metropoli, le scenografie dei Ballets Russes, il perfezionismo di Jacque-Emile Ruhlmann e l’eleganza degli oggetti metallici di Jean Dunand.

 

Una collezione, quella proposta da Zambelli, che ha spiccato, insieme ad altri cinque vincitori (Nina Cho, Olga Bielawska, Studio Uufie, Tim Vanlier e Tomas Libertiny) in occasione del concorso indetto dalla MOS per le residenze della città toscana di Montalcino.

 

Una collezione che s’ispira alla tradizione e rivisita vecchi stili con la consapevolezza della necessaria ricerca di nuove forme espressive che può essere raggiunta solo grazie alla rielaborazione dell’eccellenza manifatturiera italiana.

 

Una collezione che offre una vasta gamma di mobili, dalle credenze agli armadi, passando per i tavolini. Un uso innovativo dei materiali classici come il ferro, il rame e l’ottone rivisitati in chiave ebanista. I dettagli sono affidati ai quattro diversi tipi di ossidazione, che, alternandosi provocano un’alterazione unica e imprevedibile della superficie del mobile.

 

I dettagli, invece, sono affidati alla composizione intarsiata delle superfici, all’ossidazione dei materiali e alle gambe sottili su cui regge ogni pezzo. Un tratto distintivo quest’ultimo che ha spinto Zambelli a uniformare esteticamente 3 supporti su 4, lasciando all’ultima la funzione di perno che la distingue anche visivamente.

 

Una serie di indizi che fanno della raffinatezza e della cura per i dettagli un tratto distintivo dell’intera composizione realizzata dal designer mantovano.

Questo articolo parla di:

Precedente

Rio 2016, il futuro dell’Italia illuminato da .exnovo

Successivo

Idiha Design, quando l’arredo diventa luminoso

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...