Matteo Nunziati, una passione tutta italiana per il progetto Matteo Nunziati, una passione tutta italiana per il progetto
Design

Matteo Nunziati, una passione tutta italiana per il progetto

Scritto da Redazione |

18 Settembre 2017

Passione, competenza e internazionalità.

Potremmo definire con questi tre semplici concetti l’attività dello studio di Matteo Nunziati, composto sì da un selezionato numero di architetti, ingegneri e interior designer di caratura mondiale, ma capace di trasmettere a ogni livello del progetto una passione tutta italiana senza precedenti.

Una capacità che nel tempo è stata in grado di etichettare ogni progetto come unico ed esclusivo, aggiungendo un valore estetico e tecnico non indifferente. Tutte qualità che nel tempo, in particolare dal 2000, quando Nunziati ha aperto il proprio studio a Milano, lo hanno portato a ergersi tra i leader mondiali dell’interior design, dell’architettura e del prodotto. 

Tra le sue numerosissime collaborazioni, oltre a un parterre ricco di imprese italiane, anche clienti internazionali, tra cui la Trump Organization.

Noi abbiamo avuto modo di scambiare con Matteo due parole sul suo lavoro e sui suoi progetti futuri.

 

Nel 2017 come viene concepito il concetto di spazio nel mondo dell’architettura?

Il concetto è secondo me, soprattutto nel del design italiano, una questione di lifestyle. Gli studi di architettura e di design, in qualche modo, contaminano tutte le scale del progetto. Dal cucchiaio alla città. Ci stiamo rendendo conto che all’estero c’è un forte senso di specializzazione, in Italia, invece, c’è una contaminazione continua tra interno ed esterno. Infatti nel nostro studio si fa tutto. Tutto questo è un concetto di comunicazione molto interessante per design italiano.

Un discorso simile si può fare anche per quanto riguarda il made in Italy. Il pezzo di design vive in un contesto, in una comunicazione. Questo crea un lifestyle e una bellezza del vivere che colpisce ancora ed è unica”.

 

La varietà dei suoi progetti fa emergere una capacità a plasmarsi in ogni tipo di condizione e circostanza. Di cosa tiene conto? 

“Secondo me qui l’aspetto cruciale è quello di partire dall’uomo e dalle sue esigenze. Immedesimarsi nella persona che deve vivere questi spazi. Questo senso di trasposizione di se stesso nell’altro ti fa vedere il progetto in ottica diversa. Certamente c’è attenzione a problematiche funzionali, ma anche la voglia di conservare ed esaltare un senso della bellezza. Non cerchiamo quindi di concentrarci solo sui bisogni funzionali ma anche estetici. È un approccio abbastanza trasversale. Questo senso di trasposizione è fondamentale”.

 

Qual è il progetto a cui è più legato?

“Il prossimo progetto. Nei progetti che faccio c’è sempre un senso di insoddisfazione. Abbiamo una cura del dettaglio quasi maniacale, ma c’è sempre un senso di insoddisfazione. Sono sempre pronto a concentrarmi e a pensare come fare meglio. È la molla che ti spinge a fare tutto, al di là della copertina, dei soldi e della soddisfazione personale. È proprio una cosa strutturale”.

 

Quali progetti avete per il futuro?

“A settembre/ottobre inaugureremo un hotel in Qatar, Fraser Suites, che è il più grande hotel 5 stelle per numero di camere in Qatar. È un progetto molto grosso fatto con aziende italiane. È interessante perché c’è una forte contaminazione tra cultura italiana e locale. Poi stiamo realizzando due progetti nuovi, molto importanti, in cui è coinvolta la Trump Organization. Si tratta di quattro torri distribuite a Delhi e a Kolkata, sempre in India. In Qatar, invece, stiamo lavorando con la Qatar airways che sta realizzando torre residenziale. Poi ci sono ville private e progetti più legati al mondo residenziale.

Il design del prodotto è invece un percorso che va avanti ogni anno. Oggi abbiamo un rapporto continuativo con le aziende”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Marchi Cucine, ecco la linea Artis

Successivo

Cersaie 2017, tutto l'outdoor di Déco

Un resort modellato sulla natura: il progetto di Graft Architects
Architettura

Un resort modellato sulla natura: il progetto di Graft Architects

Lo studio di architettura Graft Architects ha progettato a Bostalsee, in Germania, il nuovo Seezeitlodge Hotel & Spa, una...

Corte Bertesina a Vicenza, l’illuminazione è L&L Luce&Light
Design

Corte Bertesina a Vicenza, l’illuminazione è L&L Luce&Light

A pochi chilometri da Vicenza, nella campagna veneta, sorge Corte Bertesina, un'azienda agricola biologica recentemente...

I lavabi integrati di Arbi Arredobagno
Design

I lavabi integrati di Arbi Arredobagno

Da anni il team di Arbi Arredobagno lavora per fornire al cliente un prodotto in grado di adeguarsi alle esigenze degli ambienti...