Matteo Thun Atelier, il nuovo marchio di oggetti design firmati Matteo Thun Matteo Thun Atelier, il nuovo marchio di oggetti design firmati Matteo Thun
Design

Matteo Thun Atelier, il nuovo marchio di oggetti design firmati Matteo Thun

Scritto da Redazione |

13 Giugno 2016

La storia e la carriera di Matteo Thun dicono molto della qualità del suo lavoro. Nato a Bolzano nel 1952, l’architetto e designer si forma tra Milano e Salisburgo, fonda insieme ad altri colleghi il gruppo Memphis e collabora con lo studio Sottsass Associati. Nel 1986 fonda finalmente il suo studio e nel 2001 nasce la Matteo Thun & Partners, azienda creata insieme a Luca Colombo e Antonio Rodriguez, che oggi conta oltre 60 persone riunite in un team di eccellenza impegnato in progetti di architettura, design e interior design.

 

Oggi, si apre una fase cruciale per la Matteo Thun & Partners, grazie al lancio del nuovo marchio Matteo Thun Atelier, presentato all’ultimo Salone del Mobile di Milano e risultato di un’esperienza ormai più che trentennale nel settore design.

 

I principi di partenza sono sempre gli stessi: la profonda conoscenza dei materiali, da quelli più legati alle montagne d’origine, come il legno e la pietra, fino alla ceramica, al vetro e agli altri metalli; la consapevolezza del valore aggiunto dato da una lavorazione di alto artigianato italiano, in cui sono mani esperte a plasmare le forme; l’originalità di ogni prodotto, concepito per conservare nel tempo la propria specifica identità.

 

Ecco allora una collezione di oggetti design che spaziano dalle sedie ai piccoli soprammobili, passando per vasi e lampade, adatti a trovare posto negli spazi privati della casa come anche all’interno di strutture ricettive e alberghiere. Tra le proposte, spicca la linea di sedute Chiavarina, realizzata in legno di faggio ligure, e l’allegra serie di Vasi da colorare.

 

Ogni pezzo è acquistabile sull’apposita piattaforma digitale, viene prodotto rispettando elevati standard di sostenibilità lungo tutto il processo di lavorazione e prevede la possibilità per il cliente di procedere alla personalizzazione degli elementi, moltiplicando così la componente creativa per adeguarla alle esigenze dei proprietari.

 

Il progetto che rappresenta un nuovo traguardo per il laboratorio di design capitanato da Matteo Thun, ma certo non si tratta di un punto d’arrivo. Siamo solo all’alba di una nuova partenza.

Questo articolo parla di:

Fotografie di Marco Bertolini

Precedente

Alki, con la collezione Kea il passato diventa contemporaneo

Successivo

Human Collection, le posate Alessi per cene gourmet

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova
Architettura

Il nuovo grattacielo Gioia22 a Porta Nuova

Si chiama Gioia22 il progetto per il nuovo grattacielo direzionale che sorgerà nel quartiere milanese di Porta Nuova, andando...

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)
Design

Black Friday, la casa si veste di nuovo (e di nero)

Usanza americana utile a tastare il polso della propensione all’acquisto in vista dell’imminente shopping natalizio (il...

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra
Design

Ethimo vince il German Design Award 2018: ecco le qualità di Esedra

Se la qualità dei prodotti Ethimo avesse mai avuto bisogno di un’ulteriore conferma, eccola: il German Design Award...