Novotel Madrid Center, come ricostruire la natura (con HI-MACS) Novotel Madrid Center, come ricostruire la natura (con HI-MACS)
Design

Novotel Madrid Center, come ricostruire la natura (con HI-MACS)

Scritto da Redazione |

22 Luglio 2016

Il Novotel Madrid Center, situato nel quartiere di Salamanca, uno dei più eleganti della capitale spagnola, è il più grande del gruppo, con le sue 790 camere e i circa 7000 metri quadri adibiti alle aree comuni, tra cui sale riunioni e aule conferenze.

 

Affinché potesse conservare intatto il suo prestigio internazionale, tuttavia, l’hotel è stato oggetto di un recente piano di ristrutturazione e di completa riorganizzazione degli ambienti, messo a punto da Paolo Mauri e curato interamente dallo studio International Hospitality Project (IHP), per dare alla struttura un volto speciale, possibilmente ispirato agli elementi naturali.

 

Ma più che di ispirazione, si tratta di una vera e propria invasione: la natura entra infatti con decisione negli spazi dell’hotel, dando vita a scenari di grande impatto visivo grazie al sapiente utilizzo della tecnologia HI-MACS, ossia di quel materiale acrilico traslucido, modellabile, riflettente e praticamente indistruttibile che è destinato a rivoluzionare il settore della progettazione fin dalle fondamenta.

 

Così, ad accogliere gli ospiti nella piazza antistante l’albergo, è sorta una straordinaria foresta di alberi in acciaio decorati da fronde di vetro colorato; una volta entrati nella hall ci si trova poi faccia a faccia con un suggestivo giardino verticale, dove i tronchi degli alberi sono evocati in forma astratta da sei alti pilastri in HI-MACS che presentano motivi romboidali retroilluminati.

 

Lo spettacolo continua lasciando correre lo sguardo lungo i ricami serigrafati sulle pareti, mentre anche gli essenziali banconi dell’area reception, dotati di base illuminata, sono realizzati in HI-MACS Alpine White, così come le grandi cappe sospese protagoniste della zona di ricevimento, in grado di enfatizzare la luminosità della sala.

 

Infine, HI-MACS trova un’applicazione ottimale anche nell’ingresso laterale dedicato ai gruppi, dove il confine tra la scala d’entrata e quelle che conducono ai piani superiori è segnato da un ampio volume di forma trapezoidale in pietra acrilica, all’interno del quale è stato integrato un sofisticato impianto d’illuminazione.

 

Impermeabile al tempo e ad ogni tipo di scalfittura, HI-MACS si riconferma il reale valore aggiunto nella scelta dei complementi d’arredo dell’albergo, per creare spazi accoglienti e funzionali dove innovazione ed estetica contemporanea vanno di pari passo, puntando al pieno benessere dei clienti. 

Questo articolo parla di:

Precedente

Cersaie 2016, in anteprima le proposte firmate Vitra

Successivo

Maison & Object, la proposta “artistica” di WallPepper a Parigi

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...