Outdoor o indoor? La risposta è firmata Ethimo Outdoor o indoor? La risposta è firmata Ethimo
Design

Outdoor o indoor? La risposta è firmata Ethimo

Scritto da Redazione |

04 Novembre 2016

Che la nostra sia un’epoca destinata a far saltare confini e frontiere è cosa di cui ci accorgiamo ogni giorno. Una tendenza universale che sta coinvolgendo anche il mondo del design, dove ormai i concetti di outdoor e indoor sono soltanto sue volti del medesimo spazio, in un continuum fluido di identità mescolate e oggetti ultra efficaci nella loro multifunzionalità. 

 

Anche Ethimo si adatta al nuovo stile, e lo fa proponendo una serie di soluzioni innovative e originali, per ambienti futuribili da vivere e godere nel presente.

 

Tra queste, Knit, la prima collezione firmata da Patrick Norguet, il cui caratteristico intreccio proprio di seduta e schienale, unito al teak, rende le sedute perfette anche per essere ambientate all’interno.

 


Nicolette
, ancora disegnata da Patrick Norguet, è la seduta con struttura in alluminio, realizzata in sei differenti finiture, schienale con disegno microforato e poggiaschiena in teak naturale, che può presentare un rivestimento in tessuto plissettato oltre che essere dotata di un soffice cuscino seduta. Caratterizzata da una linearità leggera e delicata, ha un’anima trasformista che rende possibile le più svariate personalizzazioni in&out.

 

Costes è invece una delle collezioni che più esalta le qualità materiche del legno, con una natura flessibile che le consente di valorizzare sia gli esterni sia gli interni.

 


Esedra
, disegnata da Luca Nichetto, è la collezione presentata in occasione dello scorso Salone Internazionale del Mobile di Milano e protagonista del catalogo 2017: l’unione dell’alluminio con la fibra intrecciata e il teak in aggiunta alle forme avvolgenti degli elementi lounge rendono Esedra una collezione concepita per sfidare il concetto indoor/outdoor.

 


Play
, è il tavolo in alluminio che permette di ‘giocare’ con gli spazi grazie alle tante dimensioni che lo definiscono (100x100 cm, 150x150 cm, 100x200 cm, 100x274 cm) e alla diversità dei materiali che compongono il piano (l’alluminio, il teak naturale o decapato e il gres effetto pietra),ideale per accompagnare qualsiasi tipo di seduta.

 

Carrè, progettata dal landscape designer Niccolò Grassi, è la collezione di lampade realizzate in metallo e teak decapato con luce LED, disponibile nelle versioni da terra, in due differenti altezze, da parete e da tavolo, capace di creare affascinanti effetti luminosi se collocata in esterno e di diffondere una luce calda e rilassante quando posizionata nel living.

 

Goa e Malindi, realizzati in fibre di polipropilene intrecciate sono i tappeti nati dalla voglia di trasferire la qualità e l’eleganza tipiche di un tappeto dedicato agli ambienti interni nello spazio esterno, pratici e resistenti ma non per questo meno confortevoli.

 

Così Ethimo interpreta a 360 gradi la nuova fluidità d’arredo, preparandosi, con qualità ed efficienza, alle prossime rivoluzioni.

Questo articolo parla di:

Precedente

Morelato, un divano e una poltrona per omaggiare Verona

Successivo

MAAX, colori di luce per il nuovo laterizio SanMarco

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...