Ribot, il teak outdoor firmato Marc Sadler Ribot, il teak outdoor firmato Marc Sadler
Design

Ribot, il teak outdoor firmato Marc Sadler

Scritto da Redazione |

14 Giugno 2017

Essenzialità è la parola chiave di una seduta che anche nel nome rimanda al concetto di agilità e leggerezza. Dal punto di vista iconografico, il riferimento è alla classica seduta in teak a doghe larghe, ma Ribot è frutto di un sottile eppure sostanziale trattamento di remise en forme”.

Con queste parole il designer Marc Sadler descrive la sua ultima creazione per Ethimo: una poltroncina in teak dalle linee raffinate ma decise, leggermente slanciata in avanti e pensata per arredare l’outdoor con stile e personalità.

Tra razionalismo delle forme e spirito contemporaneo, Ribot si distingue per la silhouette essenziale ma al contempo solida, con caratteri di minimalismo ricercato che esaltano gli ambienti esterni, a testimonianza della presenza di un sofisticato know how progettuale e costruttivo. 

Garanzia assoluta di comfort, Ribot è stata inoltre creata per collocarsi in piena sintonia con i tavoli in teak presenti nella collezione Ethimo, completandoli all’insegna della funzionalità e dell’ergonomia, per un design outdoor di altissima qualità.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Realstone, il potere delle pietre nei rivestimenti Ragno

Successivo

Oceano, una nuova cappa per la collezione Falmec

Il nuovo sedile ribaltabile Provex
Design

Il nuovo sedile ribaltabile Provex

Provex, azienda leader nella produzione di box doccia e accessori tecnici per l’ambiente bagno, amplia la Serie 500 con...

Cersaie 2018, la nuova doccia a specchio firmata duka
Design

Cersaie 2018, la nuova doccia a specchio firmata duka

Alzare sempre di più l’asticella dell’innovazione, per offrire al cliente il massimo della qualità e della...

Il nuovo Centro Euromed di Fuksas a Marsiglia
Architettura

Il nuovo Centro Euromed di Fuksas a Marsiglia

Il nuovo Centro Euromed è parte di un progetto pubblico di riqualificazione urbana denominato “Euroméditerranée” che...