Scavolini a Cersaie 2017, intervista esclusiva a Fabiana Scavolini Scavolini a Cersaie 2017, intervista esclusiva a Fabiana Scavolini
Design

Scavolini a Cersaie 2017, intervista esclusiva a Fabiana Scavolini

Scritto da Redazione |

27 Settembre 2017

La più amata dagli italiani. E perché no, anche da tutti gli altri. Guarda lontano Fabiana Scavolini, che porta nel cognome una delle storie d’impresa più belle del nostro Paese, un modello aziendale che ha visto e continua a vedere nel radicamento territoriale (nel caso specifico, Pesaro) un punto di forza e una chiave di volta, per fare sempre meglio in termini di qualità, ricerca tecnologica, cura del dettaglio e attenzione al design. A Cersaie 2017 è stata proprio lei a raccontarci le novità di un brand che ha cambiato il nostro modo di concepire non solo la cucina, ma anche il bagno e la zona living, tra sfide, collaborazioni illustri e obiettivi (non solo di mercato) letteralmente “senza confini”.

 

Su quali novità Scavolini punta a Cersaie 2017? 

“Quest’anno la novità più importante, anche se l’abbiamo già presentata al Salone, è il progetto di Diesel, Diesel Open Workshop. Avevamo già iniziato a lavorare con loro nel 2012 con la Diesel Social Kitchen, quest’anno però la grande novità riguarda il bagno e la cucina. È una sfida molto importante anche per Diesel. È un progetto che ci piace tanto e a ottobre saremo già sul mercato”.

 

Quali sono secondo lei le principali tendenze per il futuro dell’arredo bagno e anche dell’universo cucina? Riscontrate delle analogie tra questi due mondi? 

“La tendenza è la stessa tra cucina e living. La cucina, infatti, è aperta sul living. Si parlano da tempo. Spesso si tratta di stessi materiali e stesse finiture. La cucina è sempre più aperta, convivale e sociale. Anche il bagno lo sta diventando. Il consumatore vuole bagno e cucina con stili simili. Diesel Open Workshop ha molti elementi che richiamano al bagno. Tutte e due parlano di acqua, materiali, resistenza ad acqua, calore e umidità”.

 

Quanto è importante per voi la personalizzazione del prodotto? Qual è il vostro rapporto con il cliente? 

“La nostra produzione resta industriale ma molto ampia. La modularità indefinita per il bagno e la cucina permette a ogni persona di definire i propri ambienti nei minimi particolari. Con l’aiuto dei nostri rivenditori, da sempre in grado di venire incontro alle esigenze del consumatore finale”.

 

Progetti o obiettivi per il futuro? 

“La sfida più importante è l’internazionalizzazione. Vogliamo crescere anche in Italia e siamo già internazionali nella distribuzione, ma restiamo assolutamente italiani di produzione. Un aspetto che ci ha fatto diventare i primi esportatori di cucine italiane nel mondo. Adesso abbiamo l’obiettivo di sviluppare nuovi mercati. Vogliamo diventare i più amati del mondo, non solo dagli italiani”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Trend Group a Cersaie 2017, intervista al CEO Andrea di Giuseppe

Successivo

Oikos a Cersaie 2017, in esclusiva le parole di Claudio Balestri

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...