Toncelli a Shanghai, ecco il lusso dell’abitare Toncelli a Shanghai, ecco il lusso dell’abitare
Design

Toncelli a Shanghai, ecco il lusso dell’abitare

Scritto da Redazione |

30 Giugno 2016

Il lusso cinese parla sempre di più italiano. Lo dimostrano gli ultimi esiti dello sviluppo residenziale di Shanghai, zona occidentale, dove troveranno posto ben 72 ville con giardino ad uso e consumo dell’high society cittadina, locale e internazionale, edificate grazie all’impegno di Shanghai Real Estate Group.

 

Nel lotto Hong Qiao 239, la cura della progettazione è stata affidata all’architetto Marco Piva, cui è spettato l’incarico di costruire un modello abitativo conforme agli elevati standard qualitativi, sia da un punto di vista estetico sia sotto il profilo funzionale, che da sempre caratterizzano la decorazione d’interni Made in Italy.

 

Il prototipo di “casa ideale” messo a punto da Piva si distingue per la ricerca di un punto d’incontro tra tradizione architettonica e tendenze contemporanee, prestando attenzione all’armonia delle scelte cromatiche e alla preziosità dei materiali ma anche introducendo nello spazio domestico le ultime conquiste nel campo della domotica.

 

A questi ambienti di eccellenza si adatta perfettamente l’idea di “cucina sartoriale” firmata Toncelli: la cucina Wind nasce infatti come soluzione esemplare di combinazione tra passato e futuro, laddove l’innovazione si esprime nelle linee pure e minimali della struttura ma anche nell’antico gusto dell’accoglienza all’italiana.

 

La proposta elaborata dall’azienda toscana, posta in collegamento con l’ampia sala da pranzo grazie ad un portale-cornice in finitura dorata, si caratterizza per la presenza di tre blocchi distinti eppure in piena sintonia l’uno con l’altro: accostato alla parete perimetrale, un volume rappresentato da sole basi presenta ante lucide in legno bianco laccato e un top in marmo Lasa levigato; dirimpetto, la versione a colonna della cucina, resa speciale da rivestimento in cuoio impunturato, dai dettagli in noce canaletto e dall’impiego della maniglia Toncelli 50; infine, un’isola centrale con piano a sbalzo è protagonista nell’ambiente, riprendendo i materiali e lo stile del primo blocco, marmo levigato e legno laccato.

 

Il tocco in più è costituito dall’utilizzo ad ampio raggio della tecnologia touch screen ad alta definizione, praticamente invisibile in modalità off ed esteticamente d’impatto quando lo schermo è acceso, per consentire ai proprietari di ascoltare musica e navigare in internet nel massimo comfort.

 

La qualità tecnologica di domani mista alla migliore eredità del passato: ecco la formula ideata da Toncelli e Marco Piva per celebrare il lusso dell’abitare italiano.

Questo articolo parla di:

Precedente

Vimar, eleganza e funzionalità per il nuovo Venissa Wine Resort

Successivo

Alma Design, l’outdoor ideale per arredare l’estate

Simone Micheli firma gli interni per il nuovo film “Sconnessi”
Architettura

Simone Micheli firma gli interni per il nuovo film “Sconnessi”

Simone Micheli sbarca al cinema. L’architetto ha infatti firmato il progetto per la casa di montagna del film "Sconnessi" di...

Milano Design Week 2018, Luceplan presenta la novità Lita
Design

Milano Design Week 2018, Luceplan presenta la novità Lita

Sarà la protagonista dello showroom di Corso Monforte durante la prossima Milano Design Week: Lita è l’ultima creazione...

Una villa in campagna: il progetto di MIDE Architetti
Architettura

Una villa in campagna: il progetto di MIDE Architetti

Sono le splendide campagne intorno a Treviso la principale fonte d’ispirazione per il nuovo progetto dello studio veneto...