Toshiba Materials e Studio TOL firmano la nuova luce LED TRI-R Toshiba Materials e Studio TOL firmano la nuova luce LED TRI-R
Design

Toshiba Materials e Studio TOL firmano la nuova luce LED TRI-R

Scritto da Redazione |

14 Ottobre 2016

Si sono ormai spenti da alcune settimane i riflettori sulla Milano Fashion Week, ma non cessa di brillare la luce “naturale” di TRI-R, la nuova tecnologia LED sviluppata da Toshiba Materials in collaborazione con TOL Studio e scelta come lighting partner della mostra “CRAFTING THE FUTURE. Storie di artigianalità e innovazione.”, curata da Franca Sozzani con Sara Maino sotto la direzione artistica di Luca Stoppini, in corso al MUDEC di Milano fino al 13 ottobre.

 

L’esposizione mira a trovare un dialogo tra realtà artigiane d’eccellenza nel settore moda per la loro focalizzazione sui temi dell’innovazione, dello sviluppo tecnologico, della sostenibilità, e le nuove generazioni di fashion designer.

 


Un progetto articolato lungo una serie di tavoli tematici pensati per mettere al centro il manufatto, sul piano tattile e visivo, e che necessita per questo la presenza di una luce artificiale altamente performante, esattamente come quella di TRI-R, una vera garanzia in termini di qualità illuminotecnica.

 

Il LED TRI-R firmato Toshiba Materials produce un fascio luminoso molto simile a quello dello spettro solare e quindi marcato da un effetto naturale di grande impatto, che non altera i colori, non abbaglia, ma piuttosto rende eccezionalmente nitidi dettagli e texture, preservando la tridimensionalità dei tessuti.

 

Una luce bianca, vicinissima a quella del nostro Sole, prodotta grazie alla riduzione della componente blu e all’uniformità dello spettro continuo: due espedienti che rendono la luminosità veramente rispettosa della natura umana, armonizzandosi al ritmo circadiano e salvaguardando l’equilibrio psicofisico di ognuno di noi.

 

E proprio dei temi legati alla luce e della sua importanza nella nostra esistenza si è parlato il 10 ottobre al MUDEC, in occasione di un incontro introdotto da Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale della Moda, con la partecipazione illustre dell’art director Luca Stoppini, del Presidente di Toshiba Materials Kumpei Kobayashi, dell’architetto Italo Rota e del critico d’arte Sergio Risaliti.

 

Del resto, oltre alla presenza presso la fiera Lighting+Building di Francoforte e presso il London Design Festival, la luce TRI-R è stata protagonista anche in molte altre iniziative, a partire dalla mostra milanese sul Simbolismo tenutasi la stagione scorsa a Palazzo Reale per arrivare alle lampade Lumina, fino alla mostra curata da Marco Piva nel contesto della Biennale di Architettura di Venezia.

 

Ma, probabilmente, siamo soltanto all’inizio di un percorso davvero “luminoso”.

Questo articolo parla di:

Precedente

Le nuove aree lounge di Casa Alitalia firmate Vimar

Successivo

Abimis, la cucina di charme per Le Suite di Palazzo Segreti

Clessidra SGR acquisisce il 100% del Gruppo Scrigno
Design

Clessidra SGR acquisisce il 100% del Gruppo Scrigno

Clessidra SGR, società leader nel mercato italiano del private equity, ha sottoscritto lo scorso 2 maggio l’accordo...

La nuova collezione Beat di Ceramiche Keope
Design

La nuova collezione Beat di Ceramiche Keope

Beat (“battito”) è il nome della nuova, pulsante collezione in grès porcellanato effetto legno firmata Ceramiche...

Biennale Architettura, Kenneth Frampton vince il Leone d’Oro alla Carriera
Architettura

Biennale Architettura, Kenneth Frampton vince il Leone d’Oro alla Carriera

Quest’anno sarà attribuito a Kenneth Frampton, architetto inglese, storico, critico ed educatore, il Leone d’Oro alla...