Tronco, la sedia impilabile firmata Mattiazzi Tronco, la sedia impilabile firmata Mattiazzi
Design

Tronco, la sedia impilabile firmata Mattiazzi

Scritto da Redazione |

27 Aprile 2016

Mattiazzi, azienda italiana di Udine specializzata nella lavorazione del legno e simbolo della migliore tradizione Made in Italy fin dalla sua fondazione nell’ormai lontano 1979, incontra Industrial Facility, ovvero la carica innovativa del design britannico incarnata dai londinesi Sam Hecht e Kim Colin. Un incontro che, per la verità, è piuttosto un ritrovarsi, visto che le due parti già in passato hanno collaborato in diversi progetti, e dunque oggi riprendono a scambiare le loro energie per creare qualcosa di completamente nuovo.

 

E in effetti, nuova lo è davvero la collezione Tronco, appena presentata al pubblico in occasione della Milano Design Week 2016 e composta da una sedia impilabile in legno massiccio, vera protagonista della serie, cui si aggiungono un tavolo e un carrello mobile che ne riprendono lo stile.

 

La sua diversità rispetto ai precedenti lavori realizzati da Industrial Facility per Mattiazzi sta nel fatto che, se prima l’essenzialità scultorea dei pezzi era raggiunta sottraendo materiale, nel caso della sedia Tronco, il legno massello diventa l’elemento materico fondamentale, capace di conquistare la scena in qualsiasi tipo di spazio contando su tratti di semplicità e ricercatezza che fanno di Tronco una seduta elementare e sofisticata al tempo stesso.

 

Alle qualità di comfort e versatilità si coniuga un ulteriore sviluppo funzionale, cioè la possibilità di impilare le sedie su un apposito carrello, creando una trama verticale di alto valore estetico che si riproduce anche quando le sedie sono disposte numerose nello spazio, armonizzandosi le une con le altre.

 

Con la collezione Tronco, i designer inglesi hanno voluto coniugare l’onesta materialità del legno di frassino, enfatizzando i suoi caratteri di purezza nelle linee rigorose e di solidità nella struttura portante, con la cura nella realizzazione, mirando a un prodotto di altissima qualità, nel solco della storia manifatturiera targata Mattiazzi.

 

Se il design è una lingua universale, questo progetto è un ulteriore pregevole esempio del fatto che Italia e Gran Bretagna, in questa lingua, comunicano benissimo.

Questo articolo parla di:

Fotografie di www.mattiazzi.eu

Precedente

Driade, la libreria Zigzag vent’anni dopo

Successivo

Casa Monte delle Gioie, design industriale dall’appeal contemporaneo

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo
Design

FerreroLegno, la nuova era delle porte blindate si chiama Blyndo

Sicurezza al primo posto, senza rinunciare all’estetica. La porta d’ingresso, confine tra interno ed esterno, tra...

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino
Architettura

A cena sott’acqua: Snøhetta crea il primo ristorante sottomarino

Al cinema torna di moda la fantascienza, ma anche l’architettura non scherza.  Lo studio d’architettura scandinavo...

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection
Design

Salone del Mobile.Milano Shanghai, il debutto di Giorgio Collection

Tra i debutti più attesi che segneranno la prossima edizione del Salone del Mobile.Milano Shanghai, dal 23 al 25 novembre...