Un cottage in campagna per viaggiare nel design del passato Un cottage in campagna per viaggiare nel design del passato
Design

Un cottage in campagna per viaggiare nel design del passato

Scritto da Redazione |

06 Giugno 2016

Secolo diciannovesimo, ventesimo o ventunesimo? Nessuno di essi, o meglio tutti quanti. Scavalca le ripartizioni temporali per fonderle di un'unica soluzione di gran fascino, il cottage di epoca vittoriana ristrutturato dall’architetto e interior designer Kali Cavanagh in prossimità della cittadina di Daylesford, nel cuore della campagna inglese.

 

L’idea era quella di recuperare l’antica magione per trasformarla in uno spazio adatto ad accogliere gli amici, garantendo tuttavia a ciascuno la propria dimensione privata, per rendere la convivialità una festa e non una tormentosa convivenza forzata. Un intento reso possibile dalla scelta di attorniare la casa padronale centrale con una serie di unità abitabili, piccole, graziose, confortevoli e separate.

 

Per arredare la dimora destinata alla proprietaria, nucleo centrale dell’ampio complesso, di cui soltanto la facciata è stata conservata allo stato originale, l’ispirazione è venuta in parte dalla tradizione più antica, in parte dagli spumeggianti Anni '50.

 

Nel soggiorno predominano i colori scuri, come la tonalità carbone impiegata per le pareti e ripresa dal camino in ghisa, a contrasto con i pavimenti in legno chiaro e in dialogo con la pelle invecchiata del divano e della grande panca dotata di schienale matelassé.

 

La cucina, con il tavolo di legno grezzo, gli sgabelli d’antiquariato e il forno azzurro vintage, si richiama allo stile Fifties seppur con un tocco urbano, anzi tipicamente londinese, visto che le piastrelle bianche a copertura della parete presso il piano cottura solo le stesse che siamo abituati a vedere nella metropolitana più famosa del mondo.

 

Nella camera da letto, l’ambiente è occupato da un grande letto di gusto minimale, posizionato accanto ad una vasca antica con i piedini, mentre il bagno fa capolino da due porte che un tempo appartenevano ad un fienile e ora sono state restaurate e riverniciate in bianco, come i muri della zona notte.

 

Grandi vetrate riempiono di luce la casa, che di sera si accende grazie a lampade industriali e lampadine a filo appese al soffitto, leggermente sfalsate. Ogni stanza possiede un gradevole affaccio sul giardino e oscilla tra gradazioni di bianco candido, nero e grigio fumo.

 

Qua e la spuntano altri deliziosi pezzi d’antiquariato e arredi vintage, alcuni speciali e divertenti, come i cartelli di latta e l’insegna con la scritta “garage”.

 

Un meraviglioso cottage, dove l’unica cosa difficile sarà trovare un modo per farsi invitare.

Questo articolo parla di:

Fotografie di Profilo Facebook Vintage House Daylesford

Precedente

Margraf presenta la collezione “Vintage Size”

Successivo

Atelier Swarovski Home, il cristallo che illumina la casa

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli
Design

Catellani & Smith riaccende le luci sul teatro di Camogli

Si riaccendono le luci (finalmente, verrebbe da dire, visti gli ultimi 40 anni di inattività) sul palcoscenico del Sociale di...

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli
Architettura

La nuova SPA di Portopiccolo, il progetto dello Studio Apostoli

Risale a questa primavera l’inaugurazione della nuova SPA di Portopiccolo, un intervento che arricchisce l’offerta...

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher
Design

Carl Hansen & Son, la Beak Chair per riscoprire Ole Wanscher

Nell’ambito del suo impegno per la valorizzazione del design danese, il brand Carl Hansen & Son aggiunge un’altra...