Architettura

A Ibiza la Villa Mediterranea di Metroarea

Gennaio 2, 2017

scritto da:

A Ibiza la Villa Mediterranea di Metroarea

Lo studio d’architettura Metroarea nasce nel 2007 dall’iniziativa degli architetti Tazio di Pretoro, Giulio Paladini e Antonio Baroncelli con lo scopo di creare un laboratorio di sperimentazione e innovazione capace di mirare ad una progettazione di alta qualità, in sintonia con le esigenze del mercato senza rinunciare alla sostenibilità economica e ambientale.

 

Oggi il team conta dieci dipendenti, una duplice sede a Bologna e Trieste, numerosi progetti e premi in archivio, una riconosciuta carica creativa e una straordinaria competenza tecnologica che fa dello studio una realtà in costante crescita.

 

L’ultima realizzazione firmata da Metroarea si trova a Ibiza, una location dalla bellezza indiscutibile dove i progettisti hanno scelto di reinterpretare l’architettura della villa romana, ispirandosi ai lavori di autori arabi e spagnoli e aggiungendo suggestioni provenienti dall’espressionismo italiano. 

 

L’opera, chiamata Villa Mediterranea, elogia nell’aspetto e nel nome la nostra millenaria cultura, incastonandosi nel paesaggio in modo sinuoso, a partire dalla facciata fino alla terrazza panoramica con piscina a sfioro, rievocando gli anfiteatri sul mare tipici dell’epoca classica.

 

E’ distribuita su tre livelli, collegati da percorsi curvi e scale, mentre saltano immediatamente all’occhio le grandi vetrate, i giardini pensili, le tettoie e le persiane di bambù, elementi che trasformano questa abitazione di lusso in un tempio nato per celebrare la meraviglia del mare e della natura.