A Shenzhen il nuovo headquarter di Guosen Securities A Shenzhen il nuovo headquarter di Guosen Securities
Architettura

A Shenzhen il nuovo headquarter di Guosen Securities

Scritto da Redazione |

26 Maggio 2016

Dovrebbero terminare nel corso del 2016 i lavori che hanno condotto all’edificazione della nuova torre di Shenzhen in Cina, destinata a diventare la sede del quartier generale della Guonsen Securities, sulla base di un progetto radicato nella tradizione creativa italiana. La firma è infatti quella dello studio d’architettura Fuksas, come risulta evidente dall’inconfondibile dinamismo delle linee strutturali.

 

La torre, articolata su una superficie di 80 000 metri quadri complessivi, conta ben 52 piani dislocati su 228 metri d’altezza, uno slancio verticale opportunamente controbilanciato dalla presenza a latere di un podio destinato ad ospitare un’area commerciale di 12 000 metri quadri, coronata da un’ampia terrazza con giardino e collegato al blocco principale da un passaggio pedonale coperto, al fine di ottenere la caratteristica forma ad L.

 

Le facciate laterali della torre sono letteralmente “tagliate a metà” da un’incisione profonda e spezzata, che rimanda all’idea di una folgore divina e conferisce uno straordinario effetto di movimento al complesso, dal notevole impatto estetico.

 

Inoltre, le incisioni risultano determinati in relazione alla riduzione delle emissioni inquinanti e anche per quanto riguarda l’organizzazione e la distribuzione degli uffici, posizionati su livelli distinti: in basso gli uffici destinati al personale standard, in alto quelli dedicati a chi svolge mansioni esecutive e dirigenziali, secondo una precisa gerarchia di competenze e responsabilità.

 

L’ingresso è dominato da un atrio articolato su tre altezze che si configura anche come corridoio preferenziale per raggiungere il centro dell’edificio, a pianta regolare, dove trovano una collocazione i sistemi di collegamento verticale che connettono tra loro tutti gli spazi della struttura.

 

Se la funzionalità è garantita dal parcheggio in grado di ospitare fino a 400 veicoli, d’altro canto l’esigenza di comodità e comfort è ribadita anche all’interno dell’edificio, dove si annoverano tra le altre cose anche numerose aree pensate per il relax e zone verdi, in perfetta armonia con il giardino panoramico sopraelevato. A chiudere in quadro, sulla sommità si trova una pista di decollo e atterraggio per eliporti.

 

Un progetto di grande forza innovativa, sofisticato e capace di impressionare, un vero gigante architettonico destinato a cambiare lo skyline cittadino.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

L’Oculus di Calatrava, la stazione di Manhattan che splende di speranza

Successivo

A New York un condominio di lusso sboccia sull’High Line

CURA,  le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus
Architettura

CURA, le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus

In risposta all’attuale pandemia di coronavirus, gli architetti italiani Carlo Ratti e Italo Rota hanno progettato CURA...

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group
Design

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group

Terratinta Group è un’azienda leader sul mercato Nord Europeo nel settore delle piastrelle in grés porcellanato ed...

Scarabeo Ceramiche, il sistema FOLD per i mini lavabi
Design

Scarabeo Ceramiche, il sistema FOLD per i mini lavabi

Una soluzione smart e di facile applicazione per ambienti piccoli: è il sistema FOLD, disegnato da Emo design e nato...