Abimis, la cucina Ego scalda l’atmosfera di un casale a Treviso Abimis, la cucina Ego scalda l’atmosfera di un casale a Treviso
Architettura

Abimis, la cucina Ego scalda l’atmosfera di un casale a Treviso

Scritto da Redazione |

02 Dicembre 2019

Immersa nel paesaggio trevigiano, in una posizione panoramica nelle vicinanze di Vittorio Veneto, la cascina di Fregona è il risultato di un recente progetto di conversione curato dall’architetto Giovanni Zanella, che ha completamente ristrutturato la struttura risalente ai primi anni del ‘900 e all’epoca utilizzata con funzione di stalla disposta su due piani.

Grazie al progetto di conversione curato dall’architetto Giovanni Zanella, la struttura è stata completamente ristrutturata, ampliata e trasformata in un’abitazione unifamiliare che unisce all’affascinante impatto estetico una piena funzionalità in chiave contemporanea, con tutti i comfort di un’abitazione moderna.

L’intervento di restauro è stato eseguito mantenendo le caratteristiche architettoniche tipiche e i tratti originari di un rustico, con pietre, mattoni a vista e legno di abete a definire le facciate; i due livelli della casa sono stati mantenuti, mentre la distribuzione degli spazi e il loro ampliamento è stato adattato per l’uso residenziale. 

Negli interni del casale persiste una coerenza cromatica e materica con gli esterni, tutta giocata su rivestimenti in pastella di calce, terre naturali color grigio/verde, legno, pietre originali del luogo insieme ad altri materiali performanti come l’acciaio.

In questo contesto di equilibrio tra passato e presente si colloca il design contemporaneo della cucina Ego di Abimis, posta al piano terra a occupare uno spazio indipendente, intimo e caldo, dove la grande porta finestra conferisce luminosità e accessibilità direttamente dal giardino anteriore, creando una continuità naturale tra gli ambienti.

Ego, interamente prodotta con acciaio AISI 304, è la cucina sartoriale di Abimis realizzata sulle specifiche esigenze di ogni singolo progetto e lavorata su misura con eccezionale cura artigianale, il cui concept si sviluppa a partire da un elemento cardine: le ante raggiate a filo battente completamente integrate nella struttura, una vera e propria matrice genetica che caratterizza ogni progetto. 

In questo caso, l’ergonomia di Ego, adagiata alla parete solo da un lato, consente libertà visiva e di movimento, per organizzare in modo ottimale le diverse attività quotidiane e rendere confortevole non solo l’atto del cucinare, ma anche i momenti della convivialità: il piano si estende, infatti, fino a creare una pratica penisola snack.

La cucina è inoltre dotata di una doppia zona lavaggio, in quanto oltre al più ampio lavandino dedicato alla zona di preparazione è possibile usufruire di un secondo lavabo a scomparsa che si integra perfettamente al piano e che va ad affiancare la zona cottura.

Con le sue caratteristiche uniche Ego trasforma così la stanza in un ambiente funzionale, versatile e di condivisione, contribuendo a creare quel piacevole connubio stilistico, fra tradizione e innovazione, che caratterizza l’intera abitazione.

Questo articolo parla di:

Precedente

WERK12, il progetto di MVRDV parla in slang

Successivo

La periferia colorata di Massimo Iosa Ghini a Mosca

La nuova scuola di danza di Barozzi Veiga a Zurigo
Architettura

La nuova scuola di danza di Barozzi Veiga a Zurigo

Lo studio italo-spagnolo Barozzi Veiga ha di recente completato la realizzazione di Tanzhaus Zürich, la nuova scuola di danza...

Abimis, la cucina Ego protagonista di una villa in Toscana
Design

Abimis, la cucina Ego protagonista di una villa in Toscana

Tutto il fascino della campagna toscana concentrato in una villa storica sulle colline di Fiesole, a due passi dalla splendida...

Hotel La Guardia, i pavimenti Ceramiche Keope all’Isola del Giglio
Architettura

Hotel La Guardia, i pavimenti Ceramiche Keope all’Isola del Giglio

Immerso nello splendido panorama dell’Isola del Giglio, il design hotel 4 stelle La Guardia è stato di recente...