Abimis, la cucina Ego scalda l’atmosfera di un casale a Treviso Abimis, la cucina Ego scalda l’atmosfera di un casale a Treviso
Architettura

Abimis, la cucina Ego scalda l’atmosfera di un casale a Treviso

Scritto da Redazione |

02 Dicembre 2019

Immersa nel paesaggio trevigiano, in una posizione panoramica nelle vicinanze di Vittorio Veneto, la cascina di Fregona è il risultato di un recente progetto di conversione curato dall’architetto Giovanni Zanella, che ha completamente ristrutturato la struttura risalente ai primi anni del ‘900 e all’epoca utilizzata con funzione di stalla disposta su due piani.

Grazie al progetto di conversione curato dall’architetto Giovanni Zanella, la struttura è stata completamente ristrutturata, ampliata e trasformata in un’abitazione unifamiliare che unisce all’affascinante impatto estetico una piena funzionalità in chiave contemporanea, con tutti i comfort di un’abitazione moderna.

L’intervento di restauro è stato eseguito mantenendo le caratteristiche architettoniche tipiche e i tratti originari di un rustico, con pietre, mattoni a vista e legno di abete a definire le facciate; i due livelli della casa sono stati mantenuti, mentre la distribuzione degli spazi e il loro ampliamento è stato adattato per l’uso residenziale. 

Negli interni del casale persiste una coerenza cromatica e materica con gli esterni, tutta giocata su rivestimenti in pastella di calce, terre naturali color grigio/verde, legno, pietre originali del luogo insieme ad altri materiali performanti come l’acciaio.

In questo contesto di equilibrio tra passato e presente si colloca il design contemporaneo della cucina Ego di Abimis, posta al piano terra a occupare uno spazio indipendente, intimo e caldo, dove la grande porta finestra conferisce luminosità e accessibilità direttamente dal giardino anteriore, creando una continuità naturale tra gli ambienti.

Ego, interamente prodotta con acciaio AISI 304, è la cucina sartoriale di Abimis realizzata sulle specifiche esigenze di ogni singolo progetto e lavorata su misura con eccezionale cura artigianale, il cui concept si sviluppa a partire da un elemento cardine: le ante raggiate a filo battente completamente integrate nella struttura, una vera e propria matrice genetica che caratterizza ogni progetto. 

In questo caso, l’ergonomia di Ego, adagiata alla parete solo da un lato, consente libertà visiva e di movimento, per organizzare in modo ottimale le diverse attività quotidiane e rendere confortevole non solo l’atto del cucinare, ma anche i momenti della convivialità: il piano si estende, infatti, fino a creare una pratica penisola snack.

La cucina è inoltre dotata di una doppia zona lavaggio, in quanto oltre al più ampio lavandino dedicato alla zona di preparazione è possibile usufruire di un secondo lavabo a scomparsa che si integra perfettamente al piano e che va ad affiancare la zona cottura.

Con le sue caratteristiche uniche Ego trasforma così la stanza in un ambiente funzionale, versatile e di condivisione, contribuendo a creare quel piacevole connubio stilistico, fra tradizione e innovazione, che caratterizza l’intera abitazione.

Questo articolo parla di:

Precedente

WERK12, il progetto di MVRDV parla in slang

Successivo

La periferia colorata di Massimo Iosa Ghini a Mosca

Le nuove sedie di Furman hanno le forme del corpo umano
Design

Le nuove sedie di Furman hanno le forme del corpo umano

“Una gioiosa e tenera celebrazione del corpo umano”: il designer Adam Nathaniel Furman definisce così la collezione di...

HI-MACS, forme curve e performance materica per la clinica di Valencia
Architettura

HI-MACS, forme curve e performance materica per la clinica di Valencia

Evocare le forme rotonde e morbide di una donna in gravidanza attraverso l’edificio deputato a ospitarla, ossia quello della...

Islands, il design fiabesco di Alessandra Baldereschi per IVV
Design

Islands, il design fiabesco di Alessandra Baldereschi per IVV

 In occasione di Maison&Objet 2020, la fiera internazionale dedicata al lifestyle, alla decorazione e al design in...