Appartamento restaurato a Varese, 50 anni e non sentirli Appartamento restaurato a Varese, 50 anni e non sentirli
Architettura

Appartamento restaurato a Varese, 50 anni e non sentirli

Scritto da Redazione |

02 Maggio 2016

Ai blocchi di partenza, un appartamento di 120 metri quadri realizzato a Varese negli anni 60 del secolo scorso. Al traguardo, un’abitazione contemporanea dove i principi della bioarchitettura sono stati applicati in modo rigoroso per garantire comfort e sostenibilità senza perdere nulla in termini di calore domestico e vivibilità.

 

Di che si tratta? Si tratta della sfida vinta brillantemente dallo studio LCA Architetti, fondato dall’architetto Luca Compri proprio a Varese nel 2004. Il team di creativi dello studio ha saputo infatti intervenire decisamente sull’edificio con un progetto di ristrutturazione profonda, in cui il restauro edilizio è andato di pari passo con l’integrazione degli arredi di base.

 

All’interno sono stati smantellati il corridoio e i vecchi tavolati per lasciare spazio a tre grandi scatole volumetriche che contengono i bagni, la cucina e la cabina armadio, ottenendo così una dilatazione degli ambienti abitabili, ridisegnati nella loro distribuzione proprio a partire dai tre nuovi volumi, in un’ottica di flessibilità della fruizione domestica.

 

Due grandi affacci panoramici sul paesaggio esterno garantiscono il giusto apporto di ventilazione e luce naturale, bilanciato d’altro canto da un impianto illuminotecnico fondato sull’impiego di lampade a LED, particolarmente adatte a valorizzare spazi e rivestimenti.

 

Per quando riguarda la decorazione degli interni, è stato previsto l’uso di materiali prevalentemente naturali come il fibrogesso e il legno di rovere, il quale ben si sposa con la lamiera in ferro grezzo, la cui impronta è anch’essa dominante in tutto il complesso. Si è inoltre accuratamente vietato di fare ricorso a colle, mentre le tinteggiature selezionate sono esclusivamente di origine vegetale.

 

Risparmio energetico, funzionalità e design naturale sono dunque le basi su cui è stato possibile ricostruire un’ambientazione moderna e di valore, sia per quanto concerne l’estetica sia in riferimento alla qualità delle finiture. Perché questo appartamento ha sì più di 50 anni ma, davvero, non li dimostra.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Le Forum, un grande centro eventi alla periferia di Basilea

Successivo

Studio Principioattivo, un nuovo quartier generale per l’agenzia Centoeventi

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma
Architettura

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico e artista: nel corso della sua vita, iniziata e conclusa a...

Martini, il mobile veronese verso il 2020
Design

Martini, il mobile veronese verso il 2020

Per chi fa impresa i cambiamenti della società e del mercato generano ogni giorno nuove sfide: quando queste interessano il...

 Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti
Design

Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti

Sponge, “spugna”, è il nome della collezione di vasi da fiori progettati dall’architetto e designer italiano Moreno...